La più ambita e famosa Pay TV in Italia non era soddisfatta di limitarsi a concedere ai suoi utenti solo dell’intrattenimento televisivo e così ha deciso di intraprendere una nuova strada: a partire dal 2019 diventerà un operatore virtuale.

Marzo 2019 è il mese del suo arrivo ufficiale

Sebbene manchino ancora diversi mesi all’arrivo sul mercato di Sky Mobile, questo sarà il suo nome, l’operatore virtuale ha già compiuto diversi passi in avanti:

  • il suo nome è stato iscritto nel registro degli operatori dell’AGCOM;
  • ha già stretto un’accordo con OpenFiber;
  • ha già la strada spianata grazie al suo debutto nel Regno Unito.

Grazie a questa base ben consolidata, Sky Mobile farà un’entrata in scena molto forte e potrà spargere un po’ di terrore nel campo della telefonia mobile virtuale. Tralasciando gli eventuali scenari, però, vi potrete star domandando un’aspetto molto importante: cosa offrirà in più rispetto agli altri?

Beh, purtroppo non possiamo affermare che ciò che segue sarà la realtà dei fatti,  ma in UK sembra star funzionando. Rispettivamente alla:

  • linea mobile, Sky offre delle tariffe per smartphone molto simili alla Shake Remix di Vodafone, ossia: ai clienti viene data la possibilità di scegliere le soglie come meglio vogliono… al crescere dei giga cresce anche il prezzo;
  • linea domestica, Sky offre una tariffa in fibra ottica fino a 63 Mega; in Italia potrebbe arrivare a estendere la velocità fino a 1000 mega con una collaborazione effettiva con OpenFiber. Lì ha un prezzo di 35 sterline, in Italia potrebbe scendere fino a 25/30 euro guardando la concorrenza;
  • clientela che desiderano anche la  Pay TV, Sky potrebbe inziare ad offrire dei bundle tutto compreso con linea domestica e Pay TV a prezzi forfettari… un po’ come gli attuali pubblicizzati da Fastweb.