Rimborsi

Cari utenti, potete mettervi l’anima in pace se state attendendo i rimborsi previsti a fine anno riguardanti i rinnovi a 28 giorni di Tim, Vodafone e Wind Tre. Il Consiglio di Stato li ha appena bloccati.

Per chi non fosse informato sulla questione, erano previsti alla fine dell’anno in corso, dei rimborsi a tutti gli utenti, per il periodo in cui la fatturazione era impostata ogni 28 giorni invece che ogni 30.

 

Addio rimborsi da Tim, Vodafone e Wind Tre, il Consiglio di Stato blocca tutto

Sicuramente vi ricorderete che fino a qualche mese fa, tutti gli operatori telefonici avevano il rinnovo fissato ogni 28 giorni invece che ogni 30, come ora. Le associazioni dei consumatori, dopo anni di battaglie, sono finalmente riuscite ad ottenere il rimborso 30 giorni, come qualche anno fa. Tutti gli operatori italiani, a partire dal 5 aprile scorso, grazie all’approvazione della nuova legge sono stati obbligati ad eliminare il rinnovo ogni 28 giorni.

Leggi anche:  Passa a Vodafone: ultime ore per attivare l'offerta Simple Plus a 9,99 euro

Nonostante la nuova legge, gli operatori, probabilmente in accordo tra di loro, hanno deciso di lasciare invariato il prezzo annuale delle offerte. In questo modo è aumentato di conseguenza il prezzo mensile delle offerte. Il Tar, successivamente all’approvazione della nuova legge, obbligava gli operatori italiani ad effettuare un rimborso per tutti i mesi in cui era in vigore la fatturazione a 28 giorni.

Ora il Consiglio dello Stato ha deciso di bloccare i suddetti rimborsi, rimandando la questione all’anno prossimo. Insomma, prima è stata annullata la multa che gli operatori avrebbero dovuto pagare, e adesso sono stati anche congelati i rimborsi. Non ci resta che attendere il 2019, ma secondo voi riusciremo mai ad ottenere questo tanto chiacchierato rimborso?