Il rapporto sulla trasparenza biennale di Apple è disponibile e ha una sua pagina interattiva sul sito web della società. Come al solito, contiene tutte le richieste di dati personali che Apple ha ricevuto dai governi di tutto il mondo. Il nuovo aspetto facilita la revisione grazie a un dispositivo di scorrimento nella parte inferiore. Ciò consente di scorrere le pagelle per ogni paese. In ogni caso è possibile scaricare un PDF.

Secondo il rapporto, che copre la prima metà di quest’anno, la compagnia ha ricevuto 32.342 richieste di dati degli utenti da parte dei governi che coprivano l’accesso a 163.823 dispositivi. La Germania ha fatto più richieste di tutti (42%), la maggior parte delle quali erano dovute a “indagini su dispositivi rubati”, con 13.704 richieste di dati su 26.160 dispositivi.

Le richieste di dati degli utenti Apple è aumentato del 25%

Gli Stati Uniti sono al secondo posto con 4.570 richieste per 14.911 dispositivi. Più della metà di queste richieste (2.397) erano per informazioni o contenuti di account di base degli utenti. Gli Stati Uniti hanno anche chiesto 918 identificatori finanziari – che coprono sospette transazioni fraudolente di credito, debito o carta regalo – attribuendole a frodi con carte regalo iTunes.

Leggi anche:  Apple: nonostante il calo delle vendite la società raggiunge un nuovo traguardo

Inoltre, Apple ha ricevuto 4.177 richieste di account globali, in aumento del 25% rispetto al periodo precedente, per 40.641 dispositivi. La società spiega che queste richieste includono informazioni iCloud degli ID Apple, come il nome e l’indirizzo del titolare del conto.

Queste possono anche includere contenuti, tra cui foto, e-mail, backup di dispositivi iOS, contatti o calendari. Il picco, secondo Apple, è attribuibile alla Cina, che ha richiesto quasi 19.908 richieste di dati sui dispositivi. Le cause sono principalmente attribuite a indagini su frodi.

Apple ha anche cambiato il modo in cui riporta le richieste di sicurezza nazionale degli Stati Uniti. La società ha infatti separato le lettere di sicurezza nazionale emesse dall’FBI e le richieste ai sensi del Foreign Intelligence Surveillance Act, o FISA. Nella prima metà del 2018, Apple ha dichiarato di aver ricevuto da 0 a 499 richieste di lettere di sicurezza nazionale relative a 1.000 a 1.499 account.