Facebook

Il social network Facebook non è riuscito a passare un mese tranquillamente in questo 2018. Quasi un anno fa è stato travolto dallo scandalo Cambridge Analytica, successivamente ha avuto a che fare con una falla nella sicurezza e solo recentemente abbiamo parlato di alcune foto personali di circa 8 milioni di utente che la piattaforma avrebbe esposto.

Oggi è arrivata un’indiscrezione secondo la quale, la piattaforma di Mark Zuckerberg avrebbe ceduto alcuni nostri dati sensibili a colossi come Amazon, Microsoft e Netflix, scopriamo insieme i dettagli.

 

Amazon, Microsoft e Netflix hanno ricevuto alcuni nostri dati da Facebook

A rivelare la notizia è stata un’inchiesta del New York Times, la procedura sarebbe andata ben oltre le regole della privacy che sono in vigore al momento. La testata giornalistica statunitense è infatti entrata in possesso di molti documenti riservati e ha successivamente raccolto alcune testimonianze di alcuni ex dipendenti del social network.

L’inchiesta ha confermato che i nostri dati personali sono molto ricercati, come se fossero una pietra preziosa. Secondo il New York Times, l’accordo tra Facebook e altri colossi come Amazon, Microsoft, Netflix, Spotify e altri, comprendesse anche il passaggio di dati personali degli utenti. Probabilmente è anche questo accordo che ha portato più utenti ad iscriversi sulla piattaforma blu nell’ultimo anno, facendogli assumere un potere straordinario.

Leggi anche:  Vodafone si accorda con Netflix: i clienti potranno utilizzarelo gratis

Sempre secondo l’inchiesta, Facebook ha permesso al motore di ricerca Bing di Microsoft, di vedere tutti i nomi degli amici degli utenti presenti sulla piattaforma. Quest’ultima ha dato a Netflix e Spotify, la possibilità di leggere i messaggi privati degli utenti su Messenger. Per quanto riguarda Amazon, l’azienda avrebbe permesso all’e-commerce di ottenere i nomi degli utenti e tutte le relative informazioni di contatto attraverso i loro amici. Tutto ciò senza alcun consenso da parte dell’utente. Al momento la piattaforma non ha rilasciato nessuna dichiarazione, ma probabilmente lo farà a breve.