Il CEO di DuckDuckGo, Gabriel Weinberg, ha ampliato la recente ricerca della società sulle pratiche di ricerca di Google. La società sostiene che i risultati del gigante della ricerca mettono gli utenti che hanno effettuato l’accesso nelle categorie “filtri” in base alla loro posizione.

Non solo i risultati di ricerca di Google mostrano pregiudizi, ma che il pregiudizio è inavvertitamente politico perché basato sulla posizione. Concentrando gli esempi sulle ricerche del termine “controllo delle armi”, il signor Weinberg spiega che gli utenti in alcuni codici postali vedranno i risultati relativi all’NRA mentre altri codici postali no. L’amministratore delegato ha proseguito dicendo che potrebbero non esserci nemmeno codici postali specifici che causano la discrepanza. Tuttavia il pregiudizio sembra essere basato sulla posizione in una certa misura. Google sta, suggerisce Weinberg, filtrando i contenuti per gli utenti in modo parziale senza rendersene conto.

Lo studio ha dipinto un’immagine inaffidabile degli algoritmi di ricerca di Google. I risultati mostrano segni di personalizzazione anche dopo che un determinato utente si disconnette. Gli algoritmi generalmente tendono a materializzare il materiale in base alla popolarità, alla rilevanza culturale e ad altri concetti più astratti. DuckDuckGo afferma che le personalizzazioni vanno oltre. Deliberata o meno, la società sembra essere in grado di mettere a punto i risultati che un utente è in grado di vedere in un modo efficace per condizionare gli utenti.

Leggi anche:  Android Q: Google al lavoro su un sistema di riconoscimento facciale

I risultati di ricerca di Google potrebbero essere veicolati tramite la nostra posizione sulla base di pregiudizi

Google ha affermato che i metodi dello studio sono imperfetti, portando a conclusioni completamente errate. Piuttosto che essere obiettivi, osserva la compagnia, lo studio si basa sul presupposto che tutte le differenze siano basate su qualche forma di personalizzazione. Google fa riferimento all’ora del giorno e al luogo in cui la ricerca viene eseguita come esempi di fattori che DuckDuckGo non ha controllato in modo efficace. Nel frattempo, i problemi nella ricerca non sono nuovi. Google ha dovuto recentemente approfondire almeno in parte il modo in cui i suoi algoritmi funzionano.

L’esistenza di un pregiudizio intrinseco nei risultati di una query di Google è un argomento che probabilmente richiederà tempo. In ogni caso non sembra essere intenzionale. Come sottolineato da Weinberg, i risultati “distorti” sembrano formati attraverso una casualità puramente algoritmica. Ciò non fermerà gli sforzi del concorrente di ricerca incentrato sulla privacy per far luce su probabili problemi con i risultati di ricerca. Le recenti controversie affrontate da Alphabet Inc e gli studi che richiamano alcune delle sue pratiche potrebbero alla fine costringere la società a dare priorità alla ricerca interna della questione, come minimo.