facebook-musica

Mark Zuckerberg, cuore pulsante di Facebook e controller di Instagram, pubblica una foto per congratularsi con il social network per aver raggiunto la cifra di 500 milioni di utenti attivi al mese. Nella foto, è possibile vedere il giovane amministratore delegato seduto di fronte al suo portatile, in cui colpisce un particolare: sia la fotocamera frontale che il microfono sono coperti da nastro isolante. Perchè? È molto probabile che il modo in cui la multinazionale sotto il suo comando utilizzi i dati dei suoi utenti sia uno di questi motivi.

 

So dove sei e anche dove stai andando

Se pensavi che l’intrusione di tecnologie nella tua vita privata fosse limitata a sapere dove ti trovi in ​​determinati momenti, sappi che il pensiero è obsoleto. La verità è che il controllo che hanno sui movimenti può anche prevedere dove sarai nel futuro. Ciò si riflette in una serie di brevetti di Facebook, che descrivono come prevedere la tua prossima destinazione in base ai luoghi che hai visitato in passato e ai percorsi di altri utenti che condividono lo stesso modello. In questo modo, si potrebbero definire reti di siti da utilizzare, secondo il brevetto, per “inviare pubblicità agli utenti in base alla posizione“.

 

Facebook può dedurre se hai un partner

Dedurre il grado di relazione degli utenti di un sistema di social networking“: sotto questo nome, la multinazionale ha depositato un brevetto nel 2014, in cui ha avvertito della sua intenzione di dedurre lo stato civile in base a quanto spesso si visita la pagina di altri utenti, il numero di persone che appaiono sull’immagine del profilo e la percentuale di amici del sesso opposto. A seconda di ciascuno di questi parametri, il social network assegna un punteggio a ciascun utente, la cui somma consente di determinare se ha un partner.

Leggi anche:  Facebook, WhatsApp ed Instagram sempre più vicine alla fusione

 

Conoscere la personalità

Un brevetto che ora ha sei anni, ma non meno allarmante. Attraverso l’analisi linguistica di tutto ciò che scrivi sulla tua piattaforma, Facebook utilizza un modello pensato per prevedere le caratteristiche della tua personalità – introverso, divertente, troppo loquace o sgradevole – e offre pubblicità più mirata.

 

Benvenuti nell’era della bolla dei filtri

Nel 2011, l’attivista di Internet Eli Pariser ha avvertito di un fenomeno molto presente ai nostri giorni, che ha battezzato come una bolla di filtro. È stato definito come un ambiente digitale in cui le persone perdono l’accesso a fonti di informazione con le quali non si identificano ideologicamente, il che limita la loro comprensione del mondo. I filtri che stabiliscono i social network per mostrare contenuti personalizzati sono basati sui loro gusti, quindi non mostreranno informazioni che, in tale valutazione, non sono nel loro interesse. “Quello che c’è dentro la bolla che ti circonda dipende da chi sei e da cosa ti piace, ma non sei tu che decidi direttamente cosa va in quella bolla, gli algoritmi lo fanno“, ha spiegato Pariser all’epoca.

Un anno dopo, Facebook ha presentato il suo primo brevetto su questa linea, anche se è stato attenuato nel tempo. La società descrive come utilizza le informazioni sulle reazioni degli utenti ai contenuti mostrati nel news feed (quando fanno clic per accedere a un articolo, condividere o contrassegnare) per determinare cosa li interessa. “Gli utenti preferiscono vedere notizie relative ai loro interessi personali o notizie interessanti per gli utenti dei social network ad esse collegati o che hanno interessi rilevanti“, hanno affermato nel brevetto.