apple
Già dai primissimi giorni dell’iPhone, Cydia nacque come canale di distribuzione rivale all‘App Store di Apple, creato appositamente per gli smartphone con il jailbreak. Ora, più di dieci anni dopo, il fondatore di Cydia Jay “Saurik” Freeman ha deciso di chiudere gli acquisti in-app attraverso il negozio mobile Cydia dopo aver riconosciuto un bug relativo all’autorizzazione dei token digitali PayPal che ha colpito “pochissimi utenti“, secondo quanto riportato tramite TechCrunch. Attraverso Cydia, gli utenti possono acquistare un software mobile progettato per funzionare su un dispositivo iOS jailbroken, ma la comunità di jailbreak è diventata più piccola nel corso degli anni, mentre l’ecosistema iOS di Apple è diventato più robusto e sicuro.

La realtà è che volevo chiudere il Cydia Store  prima della fine dell’anno, e stavo considerando di spostare la data sul calendario dopo aver ricevuto il rapporto (per questo fine settimana)“, ha scritto Freeman in un post di Reddit pubblicato la scorsa settimana . “Questo servizio mi fa perdere i soldi e non è qualcosa che posso mandare avanti senza. Per un certo periodo ha aiutato a finanziare un piccolo staff di persone per mantenere attivo l’ecosistema, ma ha avuto un costo enorme  per la mia sanità mentale e ho portato molte persone a odiarmi irrazionalmente negli anni“.

Leggi anche:  WWDC 2019: annunciate le date della conferenza mondiale di Apple

 

Freeman senza prospettive e denaro

Freeman ha detto che l’interruzione del servizio in realtà non lo aiuta finanziariamente, visto che deve ancora pagare per aver depositato su cloud molte info relative agli anni in cui gli iPhone hanno utilizzato Cydia. Un costo che il suo nuovo lavoro lo aiuta a coprire. Quindi, invece di chiudere completamente il negozio, ha deciso di disattivare semplicemente il meccanismo di acquisto. Sembra che il progetto Cydia stesso possa finire in un istante, ma Freeman dice che sta pianificando un post più “formale” la prossima settimana per spiegare meglio il problema di PayPal e delineare la roadmap per il futuro dell’app.