Per affrontare una diffusa scorrettezza scientifica, il governo cinese ha ampliato il suo criticato sistema di valutazione sociale. Esso ora includerà anche le infrazioni fatte dai ricercatori. Il piano potrebbe spaventare alcuni scienziati, ma il potenziale di abuso è molto reale.

In pratica, i ricercatori cinesi che hanno una cattiva condotta scientifica potrebbero presto evitare di ottenere un prestito bancario o gestire una società.

Il sistema di classificazione della Cina include 10 milioni di persone

In precedenza, gli scienzati venivano controllati dal ministero della scienza e le università. Ora, dozzine di agenzie governative possono giudicare la condotta degli scienziati. Quindi oltre a perdere finanziamenti e premi, i ricercatori ora devono affrontare restrizioni anche al di fuori del mondo accademico.

Ciò potrebbe essere una reazione allo straordinario esperimento di modifica genetica dello scienziato He Jiankui. Ha utilizzato lo strumento di modifica del gene CRISPR per modificare embrioni umani. A quanto pare, lo scienziato condusse la ricerca in segreto e per questo il governo cinese ha chiuso il suo progetto ed ha avviato un’indagine.

Leggi anche:  Samsung ha definitivamente salutato la Cina, basta impianti di produzione

Quindi, l’annuncio dell’inclusione del sistema di credito sociale all’interno della ricerca scientifica potrebe coincidere con questo episodio. In più c’è da aggiungere che il governo cinese sta affrontando una cattiva condotta scientifica. Sono stati diffusi rapporti di ricercatori cinesi che falsificano dati e CV.

All’inizio di quest’anno, il governo cinese ha dichiarato che avrebbe finalmente represso la cattiva condotta accademica e introdotto nuove riforme. Ciò comprendeva anche l’introduzione di una lista nazionale di criminali, i cui membri possono essere squalificati da futuri finanziamenti.

La Cina sta ampliando l’utilizzo del suo sistema di classificazione sociale lanciato nel 2013. Il sistema ora comprende quasi 10 milioni di persone. Esso dovrebbe essere pienamente implementato nei prossimi due anni e includere circa 22 milioni di cittadini. Il punto del sistema è sradicare la corruzione e l‘illegalità, promuovendo il comportamento prosociale.