carta di credito vantaggi svantaggiLa carta di credito è comoda e sicura, o quanto meno dovrebbe esserlo. In Italia è ormai molto diffuso ed in questi ultimi mesi sono addirittura nate delle applicazioni mobile che consentono di associare la propria card alle piattaforme digitali delle grandi aziende.

Limpidi esempio di questo nuovo approccio al denaro sono Samsung Pay, Aplpe Pay ed il più recente Google Pay, ora pronto ad includere addirittura la carta PostePay Evolution a partire dalla prossima settimana.

Ma cosa significa esattamente possedere una carta di credito o una prepagata? Quali sono i vantaggi, gli svantaggi e gli eventuali problemi cui si può incorrere usandole? Non resta che scoprirlo in questo speciale sui sistemi digitali di pagamento. Come prima cosa scopriamo cos’è.

 

Cos’è una carta di credito

Una carta di credito altro non è che una tessera di plastica con applicata una banda magnetica ed un microchip. Serve per effettuare e ricevere i pagamenti tramite canali elettronici a distanza collegati tra loro da una rete protetta.

La parte anteriore della tessera riporta i dati che identificano il titolare, l’istituto che l’ha emessa e la scadenza. Sul retro, invece, si trova il codice CVV2 (Card Verification Value) o il CVC2 (Card Validation Code) rappresentato da 3 cifre. Questo codice deve rimanere segreto e viene usato dal legittimo proprietario della carta per effettuare acquisti online sicuri.

Tale supporto viene emesso dalla Banca nella quale si apre il conto. Le operazioni, invece, sono gestiti dai circuiti di pagamento, come ad esempio Visa, Mastercard, American Express.

 

Carta di credito: vantaggi del suo utilizzo

Ora che abbiamo capito che cosa abbiamo per le mani passiamo ad esaminare i vantaggi della carta di credito. Come prima cosa evidenziamo il fatto che offre la possibilità di effettuare acquisti e pagamenti anche senza liquidità sul conto corrente. Funziona con sistema di addebito posticipato. Tutelano il consumatore nell’ipotesi di operazioni di frode, truffe, smarrimento e clonazione. Richiedendo il blocco immediato della carta non si potrà svolgere alcuna operazione.

Un altro vantaggio è la loro versatilità di utilizzo all’estero se collegate al circuito di pagamento previsto dalla propria carta. Nessuna difficoltà, quindi, a prelevare e versare ad esempio negli USA su circuito Mastercard, Visa o American Express. Eviteremo di portarci in giro il contante e pagheremo solo le commissioni previste dal nostro istituto.

 

Carta di credito: svantaggi

Il primo degli svantaggi è sicuramente il poco controllo delle spese. Con la carta di credito è facile perdere di vista il denaro. Il posticipo degli addebiti non aiuta e si può finire con l’indebitarsi in fretta.

Il prelievo dagli ATM, tra l’altro, introduce le commissioni di imposta che aumentano se si effettuano operazioni da sportelli di altri istituti diversi da quello di provenienza. In Italia le commissioni ci sono e sono basse nella maggior parte dei casi, all’estero diventano decisamente più onerose.

Sebbene la Banca dedichi tempo, risorse e sistemi a salvaguardia della sicurezza l’ipotesi di clonare carta di credito resta aperta. Nonostante piattaforme sempre più sofisticate si può incorrere in pericoli di cloning per carte che vengono utilizzate per acquisti non autorizzati (specialmente online nel Dark Web).

 

Carta di credito: cosa posso o non posso fare

La carta di credito consente di prelevare da ATM con facilità o versare denaro liquido che viene accreditato sul conto personale. Gli esercenti convenzionati possono anche accettare i pagamenti da POS come nei supermercati e nei grandi centri commerciali. Ci si può pagare un caffè come un’automobile. In questo caso si applicano delle commissioni.

Pagamenti e prelievi vengono addebitati sul conto corrente del titolare in un secondo momento, generalmente il 15 del mese successivo dal giorno dell’operazione e non oltre 30 giorni dalla transazione.

C’è un tetto si spesa mensile (il cosiddetto planfond) che varia secondo il tipo delle carte e che funziona come un fido finanziario per la banca. Le carte standard hanno solitamente un tetto massimo di 1.500 euro al mese. A tal proposito si evidenziano i limiti del sistema. Se si prevede di rientrare entro tale range di planfond non ci son problemi. Se si teme in spese inattese o ricorrenti che superano questo limite occorre andare in banca e richiedere l’upgrade del limite di spesa mensile.

Ore sappiamo come funziona una carta di credito e quali sono i suoi limiti ed i suoi vantaggi. Hai iniziato ad usare anche i sistemi card-less con smartphone? Come ti trovi? Spazio ai commenti.