facebook

ZeniMax Media e Facebook hanno risolto una disputa legale che riguardava la creazione dell’ Oculus Rift VR. ZeniMax ha affermato che il progetto fu rubato (incluso codice e ricerca) da alcuni ex dipendenti di ZeniMax che furono poi assunti da Oculus .

Tra questi troviamo John Carmack, il noto co-fondatore di id Software (di proprietà di ZeniMax) che si è unito a Palmer Luckey, Brendan Iribe e il resto del team Oculus VR nel 2013 prima che Facebook acquistasse la società 2 miliardi. 

Nel 2014 ZeniMax ha avviato un contenzioso contro Facebook e, a un certo punto, ha cercato di bloccare le vendite dell’Oculus. Il processo è iniziato all’inizio del 2017, con la partecipazione di diversi dirigenti chiave (incluso l’amministratore delegato di Facebook Mark Zuckerberg). L’anno scorso una giuria federale del Texas ha deciso a favore della compagnia. Inizialmente, a Facebook è stato ordinato di pagare 500 milioni, con Luckey e Iribe responsabili rispettivamente di 50 e 150 milioni.

Leggi anche:  Facebook unirà Instagram, Messenger e WhatsApp in un'unica app

 

La conclusione del processo

A giugno, un giudice ha tagliato per un totale di 250 milioni: 200  per violazione del contratto e 50 per violazione del copyright. ZeniMax ha impugnato questa decisione, ma l’accordo di oggi pone fine a questo sforzo.

Siamo lieti che un accordo sia stato raggiunto e che i risultati siano pienamente soddisfatti”, ha dichiarato il CEO di ZeniMax, Robert Altman. “Anche se non gradiamo il contenzioso, ci siamo sempre difesicontro qualsiasi violazione o appropriazione indebita della nostra proprietà intellettuale da parte di terzi”.

La dichiarazione di Facebook è stata molto più breve. “Siamo lieti di metterci alle spalle questo accaduto e continuare a costruire il futuro della realtà virtuale“, ha affermato un portavoce. I termini dell’accordo non sono stati divulgati.