Facebook

Il social network Facebook, come se non bastassero i problemi che ha vissuto negli ultimi mesi, si è trovato davanti ad un allarme bomba proprio nella sua sede principale negli Stati Uniti.

La piattaforma di Mark Zuckerberg qualche giorno fa si è imbattuta in una multa dell’Antitrust di ben 10 milioni di dollari, e pochi giorni fa un allarme bomba con completa evacuazione della struttura, scopriamo insieme cosa è successo.

 

Facebook: evacuata la sede negli Stati Uniti per una presunta bomba

Solo pochi giorni fa, la sede di Facebook a Menlo Park ha vissuto degli attimi di terrore. Quest’ultima infatti è stata evacuata per una minaccia bomba. A riportarlo sono stati tantissimi media americani, che hanno citato la Polizia locale. Secondo le ultime indiscrezioni, l’allarme in questione è scattato in seguito a delle segnalazioni della Polizia di New York.

Tutti i dipendenti all’interno dell’enorme struttura, sono stati evacuati immediatamente e la piattaforma ha subito informato i media e le autorità che i propri impiegati sono subito stati messi in sicurezza. L’azienda ha in seguito spiegato che rilascerà ulteriori informazioni quando la situazione sarà più chiara.

Leggi anche:  Instagram 10 Years Challenge: cos'è e perché tutti partecipano

Sì, perché al momento nessuno è a conoscenza dei fatti, la piattaforma non ha rilasciato alcuna dichiarazione. La Polizia di New York probabilmente ha aperto un’indagine per scoprire chi abbia lanciato l’allarme e quali sono stati i segnali che lo hanno fatto credere. Sicuramente non è stata una giornata facile per l’azienda, soprattutto in questo periodo, dato deve preoccuparsi continuamente del proprio futuro. Una piccola speranza è stata lanciata proprio ieri, quando abbiamo scoperto che la piattaforma ha intenzione di espandere il proprio team che lavora sulla blockchain.