nasa
Secondo la NASA un asteroide chiamato Bennu prima di diventare un ammasso di detriti spaziali, possedeva una superficie umida e acquosa, e a dimostrarlo ci sarebbero delle prove ufficiali.

La sonda OSIRIS-REx della NASA, che è arrivata a Bennu il 3 dicembre dopo un viaggio di due anni, è attualmente posizionata a circa 12 miglia sopra la superficie dell’asteroide. Recentemente ha inviato dati che indicano che la superficie dell’asteroide è disseminata di minerali argillosi che indicano che alcune parti di questa roccia spaziale possedevano ancora residui di acqua.

Bennu sembra essere un obiettivo molto ricco di acqua, e l’acqua è il bene più interessante e forse il più redditizio che tu possa ricavare da un asteroide“, ha detto Dante Lauretta, investigatore principale della missione OSIRIS-REx in una conferenza stampa oggi.

 

L’acqua è considerata preziosa per le future missioni spaziali perché è una potenziale fonte di carburante. Essere in grado di estrarre l’acqua dagli asteroidi significherebbe che le future missioni non avrebbero dovuto fare affidamento sulla Terra per il carburante, potendo fare affidamento su risorse infinite e quindi esplorare ulteriormente il Sistema Solare.

È importante notare che anche se Bennu potrebbe essere ricco di acqua, questo non significa che abbia acqua liquida sulla sua superficie ora. Con poco più di 1.600 piedi di diametro, Bennu è attualmente così piccolo che la sua superficie non è in grado di sostenere nessun tipo di liquido. I ricercatori ipotizzano che tra 800 milioni e un miliardo di anni fa, il mucchio di macerie disseminato di macigni che conosciamo come Bennu fosse probabilmente parte di un asteroide più grande, con più di 62 miglia di diametro, e sarebbe stato abbastanza grande da supportare l’acqua. Gli scienziati planetari pensano che il corpo più grande sia stato frantumato in un’enorme collisione, lasciando pezzi più piccoli come Bennu che fluttuano nello spazio in accumuli che assomigliano a massicci mucchi di macerie.

Leggi anche:  NASA, le sue tecnologie aiutano a rendere possibile il Super Bowl

 

I commenti degli scienziati

Le persone che lavorano al progetto hanno a lungo sospettato che Bennu potesse avere questo tipo di argilla. “Bennu sta dimostrando di essere solo l’asteroide che speravamo di trovare“, ha detto Jeff Grossman, scienziato del programma per la missione OSIRIS-REx, durante la conferenza stampa di oggi.

Oltre alla presenza di materiali umidi, i ricercatori hanno anche annunciato di aver raccolto abbastanza dati per creare un nuovo modello 3D più accurato della superficie dell’asteroide.