I costi aggiuntivi non piacciono a nessuno, soprattutto, se nascosti nel contratto telefonico che abbiamo già firmato; sono quelle spese, al di fuori della nostra tariffa, che ricadono sul nostro credito residuo. I costi aggiuntivi, sono servizi, detti “a contenuto” o “a valore aggiunto”, come per esempio, l’utilizzo della segreteria telefonica e il servizio “Ti ho cercato”.

Tim, Vodafone, Wind Tre: costi aggiuntivi

Il gestore telefonico Tim, ha un piano tariffario di base: Tim Base New, che prevede l’ascolto della segreteria telefonica a 1,50 Euro; mentre il servizio “Ti ho cercato”, che arriva tramite un SMS, ha un costo di 1,90 Euro al mese.

Il gestore 3 Italia, prevede un costo di 0,26 Euro per la segreteria telefonica ascoltata e 1,90 Euro al mese per il servizio “Ti ho cercato”.

Il gestore arancione Wind, stabilisce un costo 0,12 centesimi di Euro, al minuto per l’ascolto della segreteria telefonica; per quanto riguarda, il servizio “Ti ho cercato”, prevedere un costo di 0,19 centesimi di Euro a settimana. Difatti, il gestore telefonico, è il più economico per quanto riguarda i servizi aggiuntivi.

Leggi anche:  Vodafone ha un regalo: ecco come avere subito 30 GB al mese gratis

Il gestore telefonico Vodafone, a differenza di Wind, è il più caro a fronte dei costi aggiuntivi; per l’ascolto della segreteria telefonica, prevede, un costo di 1,50 Euro al giorno, mentre, per il servizio “ti ho cercato” ha un costo di 0,12 centesimi di Euro, al giorno. Inoltre, il gestore telefonico prevede un costo, variabile secondo il piano tariffario attuato, per la chiamata al 414, al fine di conoscere il credito residuo restante; per il servizio “Rete sicura”, contro i virus e malware, prevede un costo di 1,00 Euro al mese.