Si chiude quello che è stato un anno sicuramente molto complesso per tutti i clienti Vodafone. Nel corso di questo 2018 il gestore britannico ha più volte stupito i suoi abbonati con la presenza di aumenti di prezzo sui contratti attualmente in vigore. In quest’ultimo bimestre, vi è l’ennesima amara notizia.

Dopo le rimodulazioni per ricaricabili dei contratti mobile, Vodafone torna a modificare il listino della telefonia fissa. 

 

Vodafone, sono in aumento i costi di attivazione per le nuove linee

C’è da distinguere un aspetto positivo ed uno negativo per il cambiamento unilaterale previsto da Vodafone. L’aspetto migliore è per chi è già clienti del gestore: per tutti gli attuali abbonati non sono previsti immediati aumenti di costi. La brutta novità invece è per chi ha deciso di aprire da poco un contratto con Vodafone: il gestore infatti ha aumentato i costi di attivazione per piani relativi all’ADSL o alla Fibra Ottica.

Leggi anche:  Vodafone e TIM insieme per le reti 5G e 4G più forti d'Italia

A differenza delle precedenti tariffe, gli utenti sono chiamati al pagamento di 0,90 euro in più ogni mese per un complessivo di 48 rinnovi. Invece dei classici 5 euro, sulla fattura saranno contabilizzati 5,90 euro. Se si sommano tutte le spese nei 48 rinnovi, i costi di attivazione per una nuova linea arrivano a pesare 283,20 euro.

Il provvedimento di Vodafone altro non è che una risposta alle azioni dei principali rivali del mercato come TIM e Wind 3. Anche queste ultime due compagnie nel recente passato hanno toccato verso l’alto le loro tariffe.