FBI
Il governo federale sta esaminando i commenti falsi pubblicati sul sito Web della FCC durante il periodo dello scorso anno che riguardava i piani dell’agenzia di ridurre le protezioni internet per la neutralità sulla rete. Secondo Buzzfeed News, l’FBI ha avviato un’indagine per stabilire se fossero state violate alcune leggi fondamentali.

Nel maggio 2017, la FCC ha iniziato ad accettare commenti dal pubblico in generale riguardo ai suoi piani, raggiungendo oltre 2,6 milioni di commenti, coinvolgendo anche personaggi televisivi come John Oliver. L’agenzia è stata inondata da decine di migliaia di commenti quasi identici che sostengono la rimozione delle protezioni. Ma anche se alcuni commenti erano stati scritti da persone reali, con nome e  indirizzo verificato, molti dei  hanno detto che non erano stati loro a inviarli. Questi nomi e indirizzi potrebbero essere frutto di un attacco hacker, ma anche di una raccolta dati avvenuta da una società di terzi.

Leggi anche:  Falla rete 4G: nel mirino degli hacker i dati Tim, Wind, Tre, Vodafone e Iliad

 

Si pensa che molti gruppi siano coinvolti nella questione

Questa è la prima volta che un’agenzia federale inizia le indagini su una questione tanto grande. Buzzfeed afferma che il Dipartimento di Giustizia sta lavorando per determinare se quei commenti hanno violato la legge: potrebbero esser identità rubate e ha emesso mandati di comparizione a una manciata di organizzazioni collegate ai commenti.

Un anno fa, l’ufficio del Procuratore Generale di New York ha iniziato la propria indagine e rilasciato citazioni a più di una dozzina di gruppi giornalistici lo scorso ottobre. Buzzfeed riporta anche che gli uffici del procuratore generale del Massachusetts e Washington DC stanno sostenendo gli sforzi della loro controparte di New York, e hanno anche emesso mandati di comparizione.