disservizi

Semplici speculazioni o una vera e propria bufera si sta abbattendo sugli operatori nazionali d’Italia? Nel corso delle ultime settimane le lamentele sembrano essere aumentate più del dovuto e il motivo è solo uno: down di rete. A quanto pare gli operatori telefonici italiani hanno qualcosa in comune… peccato che non sia in positivo!

Down di rete: cos’è successo nelle ultime settimane

Tra TIM, Wind, Tre, Vodafone e Iliad i clienti non hanno saputo chi scegliere per arrabbiarsi prima: i diversi operatori nazionali hanno avuto qualche problema in merito di disservizi. Chi più o chi meno, sono aumentate a dismisura le segnalazioni che negli ultimi giorni hanno visto problemi specifici per ogni gestore. Grazie a Downdetector sappiamo che:

  • TIM ha avuto problemi legati al mal tempo che si è abbattuto sulle regioni del centro e sud Italia;
  • Vodafone ha visto recapitati diversi messaggi su disservizi relativi alla rete vocale;
  • Wind non riesce a fornire più internet: i commenti parlando di velocità minime e blackout totali;
  • per Tre Italia i problemi più segnalati sono relativi alla connessione internet e alla mancanza di segnale;
  • Iliad, ultima in lista ma non per importanza, ha una situazione simile a quella di Tre.
Leggi anche:  Tim, Wind, Tre, Iliad e Vodafone non funzionano: clienti stanchi dei disservizi

Insomma, la situazione non sembra essere così positiva ed i clienti sono esausti da questi continui disservizi.

Down di rete: come posso sapere se è solo un problema mia?

Appena più sopra vi abbiamo citato Downdetector: per chi no ne fosse a conoscenza, questo è un tool online che permette di inviare segnalazioni e non solo. Grazie a questo servizio, quando la linea del proprio gestore non va, si può segnalare il down di rete e aiutare a fornire un feedback in tempo reale per registrare il fenomeno. Oltre a questo, il sito consente di vedere lo stato di tutti i gestori, ma anche di applicazione e giochi. Ad esempio non mancano Fortnite, Instagram e le applicazioni per le Home Banking.