apple

Gli AirPod di Apple potrebbero essere i migliori auricolari wireless, ma non sono adatti a tutti. A causa della forma dell’orecchio interno di alcune persone, le cuffie semplicemente non si adattano bene, addirittura in alcuni casi causano dolore quando vengono posizionate all’interno del padiglione. Questo è un grosso inconveniente per un paio di cuffie che costano a partire dai 160 euro.

Ma un nuovo brevetto, originariamente presentato lo scorso anno e rilasciato da Apple oggi, evidenzia una possibile soluzione: AirPods intercambiabili. Cuffiette “universali” che potrebbero utilizzare sensori biometrici incorporati per eseguire il tracciamento delle funzioni vitali e anche per determinare in quale orecchio si sta sviluppando un determinato “fastidio”.

 

Dati biometrici e faciltà d’utilizzo

La domanda di brevetto approvata, che è stata scrupolosamente analizzata da 9to5Mac, descrive un design simmetrico per gli auricolari che “potrà essere indossato in modo intercambiabile nell’orecchio sinistro o destro“. Il brevetto prosegue affermando dicendo: “Grazie a questo design, l’auricolare può includere un sensore e un circuito configurati per determinare e modificare il funzionamento dell’auricolare in base a quale orecchio l’auricolare si trovi.

Leggi anche:  Apple rilascia il nuovo iOS 12.1.1: tutte le novità di questo aggiornamento

Gli AirPods potrebbero anche eseguire il monitoraggio della frequenza cardiaca e prendere misurazioni della temperatura corporea, secondo quanto riportato nel documento.

Naturalmente, trattandosi di un brevetto, la tecnologia attuale potrebbe essere lontana persino da una fase di prototipo, per non parlare di un prodotto di consumo.

Secondo l’analista Apple Ming-Chi Kuo, Apple prevede di rilasciare una nuova versione di AirPods con cancellazione del rumore e impermeabilità all’inizio del prossimo anno, con una riprogettazione completa delle cuffie in arrivo per il 2020.