quora

Quora ha detto di aver scoperto la scorsa settimana un gruppo hacker ha fatto irruzione nei suoi sistemi riuscendo ad estrapolare i dati di 100 milioni di utenti. Questi dati potevano includere nome utente, indirizzo email e una versione crittografata della loro password.

Anche alcune azioni private depositate sul sito potrebbero esser state prese di mira. Ciò include richieste di risposte, downvote e messaggi diretti.

La stragrande maggioranza dei contenuti accessibili era già pubblica su Quora, ma il furto delle informazioni dell’account e altre informazioni private è un problema serio”, ha detto il CEO di Quora Adam D’Angelo in un post sul blog questa sera. La società ha anche inviato un e-mail agli utenti interessati.

 

La risposta della società agli attacchi

Quora dice che ha notificato le forze dell’ordine e assunto una ditta di digital forensics per indagare su cosa è successo. Per ora, ha solo dichiarato che esiste una “terza parte malintenzionata” che è stata in grado di ottenere “l’accesso non autorizzato a uno dei nostri sistemi” e che ha scoperto la violazione venerdì.

Leggi anche:  Hacker derubano 8 banche in Europa con attacchi da Film su grande schermo

Con 100 milioni di utenti hackerati, questa è una violazione molto sostanziale e probabilmente rappresenta una parte importante degli utenti registrati di Quora. Nel 2015, D’Angelo ha dichiarato che il sito ha ricevuto 200 milioni di visitatori unici al mese, il che probabilmente deriva principalmente dal traffico di ricerca.

D’Angelo dice che Quora sta cercando di “contenere l’incidente” e di impedire che si verifichi un’altra violazione. “Stiamo lavorando rapidamente per indagare ulteriormente sulla situazione e adottare le misure appropriate per prevenire tali incidenti in futuro.”