Amazon lancia la piattaforma AWS RoboMaker, un servizio basato sul cloud. La piattaforma utilizza il software open source Robot Operating System (ROS) per offrire agli sviluppatori un posto dove sviluppare e testare applicazioni di robotica.

RoboMaker funge essenzialmente da piattaforma per accelerare il lungo processo di sviluppo della robotica. Tra gli strumenti offerti dal servizio vi sono le tecnologie di machine learning e di analisi di Amazon. Esse aiutano a creare una simulazione per lo sviluppo della robotica nel mondo reale.

Amazon entrerà nel mercato dei robot con un robot domestico

AWS RoboMaker offre agli sviluppatori la possibilità di sviluppare il loro codice nel cloud. Potranno poi testare il codice nel simulatore di robotica open source ROS e di distribuire gli aggiornamenti direttamente ai loro robot, siano essi droni in volo o compagni robotici per gli anziani. In definitiva, RoboMaker aiuta gli sviluppatori a creare e configurare simultaneamente più mondi virtuali, dalle fabbriche ai negozi al dettaglio. Gli utenti potranno inoltre testare i software per i loro robot prima di distribuire il codice ufficialmente.

Leggi anche:  Amazon: i clienti Tim, Wind, Tre e Vodafone possono tracciare in tempo reale i corrieri

La simulazione robotica di AWS RoboMaker semplifica l’impostazione di simulazioni su larga scala con mondi pre-installati, quali sale interne, negozi e piste da corsa, in modo che gli sviluppatori possano testare le applicazioni desiderate ed eseguire più simulazioni in parallelo.

Amazon si affida fortemente alla robotica nelle proprie fabbriche e magazzini;  l’azienda sta pianificando di entrare nel regno della robotica l’anno prossimo con Vesta,un robot domestico. Tuttavia i dettagli su questo progetto sono piuttosto scarsi. Si stima che il mercato della robotica globale diventerà un’industria da 500 miliardi di dollari entro il 2025, rispetto ai 40 miliardi di dollari dello scorso anno.