tesla-razzismo

Oltre due dozzine di dipendenti ed ex della società Tesla stanno reclamando contro la discriminazione razziale subita, in un’indagine del New York Times di oggi che guarda alla fabbrica di Fremont.

I reclami vanno dall’essere esclusi dalle promozioni, costretti a pulire i pavimenti della fabbrica. I supervisori avrebbero avuto verso le persone di colore comportamenti inammissibili, come anche gli insulti razzisti. Le accuse provengono da una serie di interviste, comunicazioni interne e dichiarazioni legali acquisite dal New York Times. Tesla non è d’accordo sul fatto che la fabbrica sia un porto di discriminazione razziale e afferma che non esiste “un modello di discriminazione e molestie” nella fabbrica di Fremont.

Tesla si oppone a tutte le forme di discriminazione, molestia e trattamento ingiusto, e ci sforziamo di fornire un ambiente di lavoro rispettoso per tutti i dipendenti e fare del nostro meglio per prevenire cattive condotte“, ha detto la società in una dichiarazione a The Verge.

Problemi anche negli scorsi anni

L’anno scorso, tre ex dipendenti di Tesla hanno intrapreso un’azione legale sostenendo di essere stati spesso oggetto di insulti e disegni razzisti da entrambi i loro supervisori e collaboratori. All’epoca, un portavoce di Tesla affermava che nessuno di loro aveva mai fatto valere queste pretese con i suoi superiori. Una querelante, Demetric Diaz, era in disaccordo con la risposta dell’azienda, affermando di aver fatto ricorso a un linguaggio discriminatorio con il suo supervisore, ma nessuna azione è mai stata presa.

Leggi anche:  Elon Musk non fumerà più marijuana in pubblico, per il dispiacere di molti

Elon Musk era a conoscenza di almeno due dei diversi casi di discriminazione in fabbrica. Nella causa originale, secondo il New York Times, Musk ha emesso una e-mail a livello aziendale chiedendo al personale di non comportarsi come “giganteschi cretini“. Ha anche detto, “se qualcuno si comporta da idiota, ma chiede sinceramente scusa, è importante essere buoni ed accettare le scuse “.