MVNOL’utente intenzionato a risparmiare il più possibile sull’attivazione di una nuova SIM ricaricabile, con annessa offerta da tutto incluso, non può non affidarsi ad un operatore virtuale. I vari Kena Mobile, CoopVoce, ho.Mobile e PosteMobile sono i must del momento, le promozioni recentemente proposte non lasciano davvero nessuno scampo alla concorrenza.

Il mercato della telefonia mobile appare essere decisamente difficile, l’arrivo di Iliad, condito con la comparsa di un numero di aziende incredibilmente elevato, ha portato non poche difficoltà a chi già era presente sul territorio italiano. Vodafone, Wind Tre e TIM hanno cercato di adeguarsi (qui per le offerte), le migliori proposte restano però dei MVNO. Se volete risparmiare non potete non scoprire le seguenti soluzioni.

 

Kena, ho, PosteMobile e CoopVoce: le offerte da attivare a Dicembre

  • Ho.Mobile: la promozione aperta a tutti migliore del momento è la Giga 50. Con un prezzo di 9,99 euro al mese (4,99 euro per i clienti Iliad), è in grado di offrire l’accesso alla rete 4G di Vodafone con 50 giga di traffico e minuti/SMS senza limiti.
  • CoopVoce: l’utente proveniente da un qualsiasi operatore può puntare a spendere solamente 8 euro per ricevere 20 giga minuti/SMS infiniti da utilizzare su tutto il territorio italiano.
  • PosteMobile: stesso discorso per l’attivazione, ma con un prezzo leggermente diverso. La Creami Extra WoW richiede un canone di 9,99 euro con annessi crediti llimitati (da spendere in minuti e SMS) e 50 giga di traffico in 4G sotto rete Wind.
  • Kena Mobile: la figlia di TIM propone una soluzione in versione operator attack. La Kena Xmas è raggiungibile al prezzo di 5,99 euro al mese dai clienti di Iliad virtuali (non quelli che operano sotto rete TIM), con annessi 100 SMSinfiniti minuti di chiamate e 50 giga di traffico internet in 4G.
Leggi anche:  TIM straccia Iliad: arriva la nuova offerta di Dicembre con minuti e 50 Giga

Le proposte indicate nell’articolo sono attivabili per buona parte del mese di Dicembre, salvo probabili proroghe da parte delle aziende in questione.