La Federal Trade Commission ha accettato di indagare sui loot boxes, analizzando il loro impatto sui bambini. La senatrice Maggie Hassan ha sollevato la questione a un’audizione di sottocommissione per il Commercio, la scienza e il trasporto del Senato. I bottini offrono ai giocatori oggetti in-game, ma poiché puoi spesso comprarli con denaro reale e i beni virtuali vengono assegnati a caso, alcuni sostengono che sono equivalenti al gioco d’azzardo.

Hassan ha citato un rapporto della Commissione sul gioco d’azzardo nel Regno Unito all’inizio di questo mese che indica che il 31% degli studenti tra gli 11 e i 16 anni ha aperto loot boxes. Il rapporto non indicava se quei bambini li avessero comprati con denaro o guadagnati attraverso attività di gioco. Tuttavia, la commissione non è convinta che i loot abbiano un collegamento diretto con il gioco d’azzardo.

Leggi anche:  Fortnite permette ora di inviare dei regali ai propri amici, ecco come fare

I loot boxes sono presenti nella maggior parte dei giochi

Il senatore in precedenza sollevò il problema con la Entertainment Software Rating Board, che accettò di aggiungere un’etichetta “acquisti in-game” a copie fisiche di titoli che li includessero e / o altre microtransazioni. Molti dei principali giochi offrono loot boxes, tra cui Fortnite, Overwatch, PlayerUnknown’s Battlegrounds e la serie FIFA.

I loot sono stati esaminati in varie giurisdizioni nell’ultimo anno circa. Il Belgio li ha messi al bando e Square Enix ha rimosso tre giochi mobile dal paese. Anche i Paesi Bassi hanno bloccato i loot, mentre Cina e Giappone si sono mossi per regolarli. Nel frattempo, alcuni legislatori statali, insieme ai regolatori del gioco d’azzardo in Europa e al Senato australiano, stanno esaminando la pratica.