Facebook sta fallendo con i suoi dipendenti e utenti neri, secondo un ex membro del suo staff senior. Quel fallimento corrisponde al trattamento dei dipendenti neri, ha affermato Mark S Luckie in un post scritto mentre lasciava la compagnia.

Le nuove rivelazioni arrivano quando Facebook affronta già critiche per le sue pratiche commerciali in tutto il mondo. Sono state inviate lo stesso giorno in cui Mark Zuckerberg ha rifiutato di essere interrogato dal parlamento britannico. In uno scandalo crescente per il suo apparente incoraggiamento alle teorie cospirative antisemite, insieme ad altri problemi.
Nel post, il signor Luckie, che fino a poco tempo fa ha lavorato come manager di partnership su Facebook, scrive che i neri sono una delle figure demografiche più coinvolte nel sito ma trattati diversamente.

Facebook spesso crede di supportare l’uguaglianza tra dipendenti di colore e non, ma continua a dimostrare il contrario

I neri stanno scoprendo che i loro tentativi di creare spazi sicuri sulla piattaforma per la conversazione tra di loro sono stati fatti deragliare da essa stessa. “Le persone non di colore stanno segnalando i discorsi di incitamento all’odio, nonostante spesso non violino i termini di servizio di Facebook

Leggi anche:  Facebook accusato dal New York Times di insabbiare i propri scandali

Ciò riflette il fallimento nel coinvolgere gli impiegati neri in modo positivo. “In alcuni edifici, ci sono più manifesti di ‘Black Lives Matter’ che non persone di colore“. I membri dello staff sono spesso infastiditi dalla sicurezza e visti con sospetto dai colleghi. Il signor Luckie ha anche lavorato su Twitter e Reddit. Gli è stata chiesta la sua esperienza rispetto a quelle di altre aziende tecnologiche. L’intero post è stato condiviso su Facebook stesso, dall’account del signor Luckie. Ha detto di aver inviato la nota a “tutti gli impiegati di Facebook in tutto il mondo” all’inizio di questo mese, poco prima di lasciare la società.