Jony Ive, Chief Design Officer di Apple, ha recentemente ricevuto un’importante borsa di studio. Al ritiro del premio ha spiegato a tutti come ha sfiorato il baratro del fallimento ma è proprio così che è nato il nuovo iPhone.

Noi progettisti creiamo strumenti, strumenti in cui puoi vivere, sedere, mangiare, strumenti che consentono la comunicazione e sostenere l’apprendimento, la creazione e la riparazione. I nostri strumenti possono essere potenti, possono essere belli e in molte occasioni non sono motivato da bisogni capiti o articolati.” Ma sebbene Ive lavori nel mondo della tecnologia, riconosce che può essere difficile.

“Con il Mac, nel 1988, penso di aver imparato due cose: mi è piaciuto molto usarlo e divenne uno strumento molto potente che mi ha aiutato a progettare e creare. In secondo luogo, e penso che sia in qualche modo un’ammissione piuttosto imbarazzante perché questo era alla fine di quattro anni di studio del design, ho capito che ciò che fai rappresenta chi sei.

Ma i suoi pensieri più interessanti riguardano la creatività e la natura delle idee. “Trascorro il mio tempo in Apple in quell’intersezione tra arte e tecnologia. Penso che, quasi per definizione, le idee siano fragili. Se fossero risolte, se fossero robuste, non sarebbero più idee. Sarebbero un album finito, un edificio completato. Non sono del tutto sicuro del perché, ma penso di essermi sempre preso un enorme piacere quando il pensiero più incerto, spesso dalla voce più tranquilla, si evolve in prodotti significativi e sostanziali.”

Un processo creativo pieno di alti e bassi necessari, è ciò cui si affida Ive, designer di Apple

Poi ha proseguito: “Nessuno ci ha chiesto di risolvere un problema: non erano in risposta a un’opportunità tecnologica: queste idee, non erano vulnerabili o fragili per un paio di settimane o per un paio di mesi, queste idee erano fragili da anni”. Eppure, dopo quasi 30 anni in Apple, è desideroso di creare. “L‘intero processo è incredibilmente terrificante e così incerto, ma mi piace che lunedì non ci sia nulla, non c’è idea, non c’è conversazione, la stanza è silenziosa, non c’è sicuramente un disegno, i prototipi sono in futuro. Lunedì non c’è nulla, ma il mercoledì c’è, non importa quanto parziale, quanto esitante. Ora, il problema è: quale mercoledì?”

Leggi anche:  Apple pronta a tagliare il prezzo di iPhone XR in Giappone

“La risoluzione necessaria per trovare soluzioni ai problemi che si frappongono tra un pensiero provvisorio e qualcosa di sostanziale, quella risoluzione e quell’attenzione molto spesso sembra in diretto conflitto con il comportamento più creativo. Da un lato interrogarsi, amare le sorprese, consumare con curiosità. Dall’altro, dover essere completamente guidati e completamente concentrati per risolvere problemi apparentemente insormontabili. Anche se quelle soluzioni sono senza precedente o riferimento. E così, naturalmente, questo è il punto in cui diventa una sorta di ironico e barcollante verso il completamente assurdo. Assurdo che noi chiamiamo sempre fallimento.

Si è concluso citando Steve Jobs, il defunto CEO di Apple, con il quale ha avuto una relazione creativa profonda e incredibilmente fruttuosa. E ha concluso con una sua citazione “(…) ma in qualche modo, nell’atto di fare qualcosa con molta cura e amore, qualcosa viene trasmesso lì ed è un modo di esprimere al resto della nostra specie il nostro profondo apprezzamento.”