Alcuni scienziati hanno creato un aereo interamente silenzioso che vola senza parti mobili, seguendo una scia fantascientifica, fonte dell’intero progetto.

L’aereo può viaggiare per viaggi relativamente lunghi pur non avendo alcun tipo di propulsore, turbina o qualsiasi parte mobile. E vola silenziosamente, fluttuando nell’aria. Piuttosto che usare qualsiasi tipo di meccanismo, infatti, l’aereo vola usando “vento ionico” – viaggiando su molecole d’aria caricate elettricamente che lo spingono attraverso l’aria.

Nei test, il velivolo senza pilota a batteria, che pesa poco, ha gestito voli sostenuti di 60 metri (197 piedi) ad un’altezza media di soli 0,47 metri (18 pollici). I suoi inventori credono che, come i primi esperimenti dei fratelli Wright più di 100 anni fa, tali inizi alla fine trasformeranno il volto dell’aviazione. La propulsione del vento ionico potrebbe essere impiegata per alimentare droni silenziosi, prevede il team. Più avanti, la tecnologia potrebbe essere abbinata a sistemi di propulsione più convenzionali per produrre aerei ibridi ad alta efficienza di carburante.

Vola senza far rumore e senza parti mobili, è l’aereo del futuro che sta diventando realtà

Il ricercatore principale, il dott. Steven Barrett, del Massachusetts Institute of Technology negli Stati Uniti, ha dichiarato: “Questo è il primo volo ininterrotto di un aereo senza parti mobili nel sistema di propulsione. Ha potenzialmente aperto nuove e inesplorate possibilità per gli aerei che sono più silenziosi. Oltre che meccanicamente più semplici e senza emissioni di combustione”. Ha rivelato di essere stato in parte ispirato dalla serie di fantascienza televisiva Star Trek, che ha guardato con grande avidità da bambino.

Leggi anche:  I ricercatori del MIT creano il primo aereo in grado di volare senza parti mobili

L’aereo di prova, descritto nella rivista Nature, porta una serie di sottili fili infilati sotto la parte anteriore delle sue ali. Una corrente ad alta tensione passata attraverso i fili di elettroni caricati negativamente dalle molecole d’aria circostanti. Questo produce una nube di molecole di aria ionizzata caricate positivamente. Esse sono attratte da un’altra serie di fili caricati negativamente nella parte posteriore dell’aereo. Mentre fluiscono verso la carica negativa, gli ioni si scontrano milioni di volte con altre molecole d’aria, creando la spinta che spinge l’aereo in avanti.

Una delle maggiori sfide era la progettazione di un alimentatore che generasse 40.000 volt dall’uscita della batteria dell’aereo. Il team sta lavorando su modi per produrre più vento ionico con meno tensione. Ci sono stati i voli di prova in tutta la palestra al duPont Athletic Center del MIT, il più grande spazio interno che gli scienziati hanno trovato.