Nel corso degli anni, siamo diventata una società circondata da smartphone e tecnologia; dobbiamo ammettere, che la tecnologia, ha realizzato un vero e proprio sviluppo, rendendo la nostra quotidianità più semplice. Ormai con i nostri innovativi smartphone, possiamo fare qualunque cosa, infatti facciamo fatica a lasciarlo a casa, nel momento in cui dobbiamo uscire.

Radiazioni pericolose?

Un argomento del giorno, che non cessa da molti anni, è sulle radiazioni che trasmettono i nostri oggetti tecnologici e sui loro effetti che colpiscono i nostro corpo; fino ad oggi, sono esistite tre standar di trasmissione per il mobile: 2G, 3G e 4G, che si differenziano fra loro, per la velocità che aumenta man mano. Le frequenze utilizzate sono:

  • Il 2G utilizza frequenze tra 900 e 1.800 MHz
  • Il 3G – tra 1.900 e 2.170 MHz
  • LTE/4G utilizza frequenze tra 800 e 2600 MHz

Nessuna di queste, causa, delle radiazioni nocive per il nostro corpo, perché si tratta di onde elettromagnetiche non ionizzanti. Non sono pericolose, per il nostro corpo, perché le onde non ionizzano il mezzo con cui passano e non alterano le molecole. L’unico effetto, che subisce il corpo umano, è il riscaldamento che non è ritenuto pericoloso, perché i livelli di esposizione sono veramente bassi.

Inoltre, le aziende, che vendono smartphone o apparecchiature tecnologiche, non possono mettere, sul mercato, qualsiasi oggetto che non rispetti i livelli di esposizione massimi.

Leggi anche:  Gli smartphone Android hanno radiazioni più elevate rispetto ad iPhone

Dispositivi Wifi e Bluetooth

I dispositivi Wi Fi che troviamo sul mercato, non presentano rischi per il nostro corpo, perché utilizzano bande di frequenza da 2,4 e 5 GHz.

Per quanto riguarda i dispositivi Bluetooth, anche loro, non sono affatto nocivi per il nostro corpo umano e lo spiega, anche, un biologico esperto di radiazioni, John Moulder:

i dispositivi bluetooth contengono una potenza impiegata troppo bassa per poter danneggiare un tessuto biologico con i meccanismi a noi noti attualmente. Se fosse nocivo  per la salute dovrebbe esserlo in forme che nessuno si è mai sognato”.

La rete 5G

Il 2019 sarà l’anno dell’evoluzione, perché verrà introdotta la rete 5G; la nuova rete, utilizzerà il massimo numero di frequenza possibile, che fino ad ora non è mai stato usato.

I rischi sono tanti e i consumatori sono, continuamente, in stato di allerta, ma nonostante i tanti studi, non ci sono prove reali sui danni che provocherà la rete 5G. Le onde elettromagnetiche utilizzate dalla rete, hanno difficoltà di penetrazione attraverso l’aria e pareti, e di conseguenza, avranno anche difficoltà per i tessuti organici.