In questo ultimo periodo non ci si può più fidare nemmeno dei call center e proprio in queste ore stanno arrivando nuove segnalazioni di clienti TIM, Wind, Tre, Vodafone e Iliad che vengono truffati.

Federconsumatori Bergamo: “In questi giorni, riceviamo moltissime segnalazioni di persone che hanno ricevuto telefonate da persone che si fingevano e presentavano a nome del loro gestore come ad esempio TIM, Wind, Tre, Vodafone e Iliad proponendo al cliente di attivare l’offerta per evitare futuri aumenti tariffari. Costi che si aggirerebbero intorno ai 12,50 Euro al mese”.

Le truffe telefoniche

Tutti gli utenti, sono in allerta, da un paio di giorni a causa all’avviso di Federconsumatori e dalle segnalazioni che hanno riportato i consumatori. Le truffe telefoniche, esistono da molti anni e ormai ne siamo a conoscenza; si tratta, di telefonate, da parte di alcuni personaggi che si fingono gestori telefonici come TIM, Wind, Tre, Vodafone e Iliad e propongono offerte per evitare i futuri aumenti tariffari.

E’ facile, per i consumatori, essere ingannati e raggirati da questi personaggi, perché sono bravi nel “loro campo”; è dunque consigliato, stare a tenti a cosa dicono al telefono, e ragionarci qualche minuto in più prima del fatidico “si”.

Leggi anche:  SanPaolo, Unicredit e Poste Italiane: conti correnti sotto attacco nel Black Friday

L’associazione dei consumatori

Vi riportiamo cosa ha da dire, l’associazione dei consumatori, in merito:

All’associazione per i consumatori non risultano aumenti tariffari, nessun gestore telefonico come

” All’associazione per i consumatori non risultano aumenti tariffari, nessun gestore telefonico come TIM, Wind, Tre, Vodafone e Iliad invita i clienti a cambiare il contratto in essere per evitare aumenti dei costi futuri. Per Legge l’operatore telefonico ha l’obbligo di informare i suoi clienti tramite comunicazione scritta di eventuali cambiamenti contrattuali.  Quando il contratto viene annullato si devono riconoscere all’attuale gestore come TIM, Wind, Tre, Vodafone e Iliad gli eventuali costi di disattivazione del servizio; soprattutto, se si hanno attive tariffe vincolate al mantenimento del contratto per un periodo specifico, annullare prima del tempo comporta il pagamento totale per le agevolazioni concesse”.