I test della durata, dell’affidabilità e della qualità degli smartphone e dei dispositivi indossabili di Samsung include la convalida su un totale di sette categorie. Inoltre, almeno una revisione robotizzata progettata per emulare un consumatore.

Ovviamente, un cliente seduto per sbaglio sul proprio smartphone non è l’unico test eseguito o la circostanza ricreata nel laboratorio in questione. Rimanendo all’interno della categoria durata, il gigante tecnologico coreano utilizza una macchina che scivola ripetutamente dentro e fuori lo slot della SIM dei dispositivi. Inoltre, preme pulsanti, spine e scollega il jack delle cuffie, e così via. C’è anche un altro apparecchio usato in modo simile all’asciugabiancheria che fa cadere tutto. Mentre un ulteriore dispositivo serve per mettere pressione sul display attraverso vari punti.

Naturalmente, i test di durabilità includono anche un segmento separato per i test di caduta da varie altezze e su più superfici. Ciò per determinare come il dispositivo cade e dove potrebbe essere necessario un rinforzo. Inoltre, l’azienda verifica come un portatile dissipa il calore e come le temperature raggiunte durante i giochi ad alta intensità e sessioni di utilizzo delle app influenzino le prestazioni. Infatti, Samsung afferma che i test del calore sono sempre più importanti poiché i dispositivi stanno diventando “più intelligenti”. Quindi, l’imaging termico viene utilizzato per testare non solo la quantità di calore creata, ma da dove proviene il calore. Ciò al fine di mantenere alte le prestazioni.

I dispositivi Samsung vengono sottoposti a numerosi test per verificarne la qualità

L’azienda controlla anche che il telefono possa essere utilizzato in differenti situazioni. Quindi verifica qualità e affidabilità. Ciò inizia con il laboratorio di prove ambientali. I dispositivi sono collocati in un ambiente chiuso che riproduce le condizioni di varie parti del mondo con modifiche dalla temperatura all’umidità nel sistema. Alcuni test devono verificare che i dispositivi siano pronti per operare in condizioni più estreme per certificazioni come codice IP o standard di pressione atmosferica (ATM). A tal fine, l’azienda dispone di un vasto assortimento di macchinari nel suo laboratorio che imitano la pioggia, le raffiche di acqua, l’immersione, la pressurizzazione controllata durante l’immersione.

Infine, Samsung mette alla prova le fotocamere e l’audio. Per i sensori della fotocamera, luminosità, chiarezza del colore e rumore sono misurati in immagini. Esse sono scattate sotto un’enorme varietà di illuminazione simulata sia per ambienti interni che esterni. Inoltre, vengono eseguiti anche test sul mondo reale per un confronto. Allo stesso modo, i test per l’audio si svolgono in due camere separate che simulano le circostanze del mondo reale in condizioni diverse. Il primo è una camera anecoica che elimina completamente il rumore esterno e la seconda simula i suoni del telefono durante le chiamate, attraverso il vivavoce, le cuffie, il Bluetooth o l’auricolare.

È anche vero che nessuno smartphone di nessun produttore sarà privo di stranezze o punti deboli. Tuttavia, Samsung ha una buona ragione per fare uno sforzo extra. Non solo la società ha fatto un passo in avanti considerevolmente e coerentemente su tutta la linea, sulla scia di una batteria con Galaxy Note 7 intrinsecamente instabile e del fiasco dei media che ne è seguito. La società è attualmente al vertice e affronta al meglio Huawei e altri produttori di smartphone cinesi, o Apple.