Google Duplex sta iniziando ad essere distribuito agli utenti Pixel anche se in modo lento e costante, secondo un report di Venture Beat. Il servizio è apparso su vari device fino ad ora in determinati mercati.

Questo lancio lento, apparentemente casuale, a una gamma più ampia di utenti dovrebbe continuare fino a quando Google non lo ha distribuito a tutti i proprietari di Pixel. Duplex si attiva tramite Google Assistant. Inoltre, ha un numero di processi automatizzati in esecuzione in background che rende tutto possibile. Il risultato finale è un sistema di prenotazione all-in-one che può, per ora, procurarti un tavolo in un ristorante, con più casi d’uso in arrivo in futuro.

Duplex è in grado di adattare la sua voce e le sue orecchie digitalizzate, per così dire, a chiunque stia parlando. Anche se può imitare accenti con sorprendente realismo, in questo momento è ancora limitato all’Inglese. Dunque limitando la sua utilità al di fuori degli Stati Uniti e parti dell’Europa, e in una manciata di altri mercati principalmente inglesi. Per quanto riguarda l’aspetto gestionale, tiene sotto controllo tutto per te, e può gestire e persino cancellare le prenotazioni.

Google Duplex, sempre più innovativo grazie all’intelligenza artificiale integrata, presto disponibile su tutti i dispositivi Pixel

L’intero processo inizia con Google Assistant. Chiedi una prenotazione, quindi scegli un ristorante. Mentre la conversazione tra l’addetto al ristorante e il robot continua senza di te, sarai in grado di vedere i risultati e, se necessario, chiedere al robot di apportare modifiche. Le informazioni sulle prenotazioni effettuate vengono registrate automaticamente. L’IA capisce cosa sta dicendo l’interlocutore al telefono e estrapola tali informazioni per creare voci di Google Calendar con le informazioni pertinenti.

Leggi anche:  Alcol Test con Google Assistant: nuovo sistema da integrare negli smartwatch

L’elaborazione del linguaggio naturale è un’area in cui Google ha fatto passi da gigante, e per molte buone ragioni. Far sì che Google Assistant sia in cima alle classifiche quando si tratta di assistenti digitali è una di tali ragioni, ovviamente. Tuttavia, altri casi di utilizzo del riconoscimento vocale fanno parte degli assi nella manica del gigante della ricerca. Secondo Google, sono anche pochi gli eventuali bug che potrebbero esserci in giro. Il fatto che Google abbia costruito un’IA in grado di chiedere a un utente ciò che vuole e quindi utilizzare la sua intelligenza per gestire tutti gli aspetti dell’accordo da lì non è un vero shock. Nonostante ciò, solo il tempo dirà fino a che punto si arriverà.