Google ha ufficialmente rimosso le notifiche SMS nell’applicazione di Google Calendar, citando la ridondanza della funzione. Ciò emerge dalle nuove informazioni rivelate in un post del blog di aggiornamenti di G Suite.

La funzione verrà sostituita da altre già presenti, comprese le notifiche degli eventi Web e le notifiche in-app, oltre agli avvisi e-mail più tradizionali. Per coloro che hanno impostato avvisi di messaggi di testo, il sistema si affiderà automaticamente a tali metodi. Quindi consentendo agli utenti tutto il tempo necessario per regolare le impostazioni personali. Più specificamente, questi verranno ora recapitati via e-mail. Inoltre, se un utente ha l’app Google Calendar o l’app Web per Calendar aperta su un dispositivo non mobile, le notifiche degli eventi verranno visualizzate anche su tali piattaforme.

Google Calendar non avrà più gli avvisi tramite SMS che ripetutamente inondano gli smartphone

Le notifiche in-app o “notifiche push” e le notifiche delle app Web sono presenti da un po’ di tempo. Detto questo, l’esistenza di più notifiche può essere e spesso è molto “spammosa“. Ad esempio, un utente potrebbe facilmente ricevere una notifica da Calendar su Gmail, SMS e Calendar stesso allo stesso tempo. Tuttavia, ad un certo punto il calendario inizia a riempirsi. Soprattutto con gli utenti aziendali o coloro che archiviano tutti gli eventi importanti e altri promemoria in Google Calendar. Tutto ciò diventa rapidamente molto fastidioso.

Google ha lavorato instancabilmente negli ultimi mesi per chiudere o unire servizi in un’offerta per ottimizzare il numero di notifiche ricevute dagli utenti. In gran parte, si tratta di rimuovere gli avvisi non necessari e quelli che non funzionano come prima. Questo è qualcosa che è esteso in quasi tutti i suoi servizi e, in un esempio più recente, include anche la rimozione di alcune notifiche Android apparse su piattaforme secondarie come Chrome OS di Google. Anche se gli avvisi di un’app come Calendar non sono affatto comuni, è comunque un punto di distrazione che costringe essenzialmente a guardare lo smartphone.