Kirin 970 SoC di proprietà di Huawei è ora ufficialmente la prima piattaforma mobile per il sistema operativo Fuchsia di Google. Il codice è stato rielaborato a livello di kernel per supportare tale chipset. Questo è stato testato con un boot di quel kernel su uno smartphone Honor Play basato su Kirin 970. Il test ha avuto esito positivo, ma non includeva l’intera gamma di software o firmware Fuchsia.

Il sistema operativo Fuchsia è apparso per la prima volta pubblicamente su GitHub nel 2016. Si allontana dal Linux Kernal sia su Android sia su Chrome OS, utilizzando invece un kernel “Zircon” integrato. Lo scopo principale di Zircon è quello di abilitare un sistema operativo in grado di svolgere qualsiasi compito, mentre altri possono ridurre significativamente le risorse richieste. La maggior parte degli sviluppi sul prodotto è rimasta segreta, ma almeno alcune delle rappresentazioni dei progressi finora realizzati sono state rese pubbliche.

Questi hanno mostrato un’interfaccia utente che ha una forte influenza dal design “simile a una carta” implementato sui prodotti Google sia in Android che in Chrome OS. La schermata di blocco di Fuchsia era quasi una replica di quella trovata in Chrome OS. La schermata iniziale, al contrario, mostrava app e funzioni posizionate su schede come quelle che si trovano nell’app Google anziché come icone. Tutti i test fino a questo momento si sono svolti anche in web-container o su hardware simile a un laptop. Questo nonostante il fatto che Chrome OS sia speculato per la sostituzione di Android ad un certo punto nei prossimi 5 anni.

Leggi anche:  Google Duplex: funzione disponibile solo per alcuni utenti che posseggono il Pixel 3

Fuchsia OS presto arriverà con Kirin 970 e potrebbe rimpiazzare Android nei prossimi anni

A luglio, il numero di ingegneri che lavoravano alla piattaforma si è espanso per includere 100 ingegneri. Il sistema operativo Fuchsia aggiri la divisione dipendente dal dispositivo nelle interazioni attualmente viste attraverso la gamma di dispositivi connessi. In breve, ha lo scopo di guardare e agire allo stesso modo indipendentemente dalla piattaforma a cui si accede, portando l’unità agli smartphone, ai dispositivi indossabili, ai computer tradizionali e alle apparecchiature pronte all’uso di oggetti come frigoriferi intelligenti, lampade, altoparlanti e televisori. Invece di dividere le interazioni tra i diversi formati, i comandi vocali e altri metodi universali per il controllo di questi dispositivi saranno in prima linea con il sistema operativo Fuchsia.

Il nuovo test mostra un’implementazione di successo del supporto per il chipset Kirin 970. Esso sarà presto sostituito dal più potente Kirin 980 annunciato durante l’IFA Berlin 2018. Quindi probabilmente non sarà il primo chipset a offrire il SO alternativo ai consumatori, anche se Huawei potrebbe ancora essere tra i primi con dispositivi mobili disposti di Fuchsia. Ciò che questo test fa è dare a Google un ingresso negli smartphone dimostrando che un’installazione può essere eseguita in base all’attuale hardware mobile. Il gigante della ricerca deve solo finire di costruire il resto del codice. Una volta che ciò avviene, la sfida del porting su altro hardware per smartphone non dovrebbe essere molto più impegnativa di fare lo stesso con il sistema operativo Android.