risparmiare batteria AndroidPer quanto riguarda gli smartphone Android possiamo contare su un mercato molto diversificato. Funzioni esclusive, design accattivanti e sistemi di elaborazione che vanno dagli entry-level ai blasonati top di gamma. Ma a cosa serve avere un telefono di ultima generazione quando abbiamo una batteria che non arriva neanche a sera?

Prese di corrente, powerbank e ricariche di fortuna tramite porta USB del PC sono necessari per arginare l’eccessivo consumo di batteria. Finalmente siamo giunti ad un punto di svolta. Nessun trucco, nessuna applicazione o procedura miracolosa. Google spiega come migliorare la situazione per sempre.

 

Batteria Android sempre scarica: la soluzione

La durata della batteria è il tallone d’Achille degli smartphone. Lo sappiamo da tempo e nel 2018 la situazione è addirittura peggiorata. Google ha la soluzione, presentata nel corso dell’Android Dev Summit tenutosi due settimane fa. Con il nuovo sistema la batteria rinasce.

La software house californiana ha ammesso di aver sbagliato nel proporre un sistema davvero troppo avido di risorse. L’interfaccia grafica in toni di bianco acceso non ha giovato all’autonomia, tanto da rendere praticamente inutilizzabili i telefoni sul lungo periodo. La soluzione definitiva giunge proprio dagli affinamenti stilistici al motore grafico del sistema. Si passa dal bianco al nero per una riduzione notevole dei consumi che consentirà di raddoppiare l’autonomia senza l’ausilio di componenti aggiuntivi ed applicazioni.

Leggi anche:  Offerte Play Store: splendidi giochi e applicazioni Android scontati solo oggi

In condizione di Dark Theme i consumi calano con particolare attenzione alle soluzioni muniti di display OLED i cui pixel vengono letteralmente spenti sulle tonalità di nero. I consumi scendono drasticamente tanto da garantire il 60% in più di autonomia durante i video in rapporto al valore massimo di luminosità.autonomia batteria AndroidNon si tratta di stime teoriche ma di informazioni pervenute sulla base di un uso pratico dei player video on demand. La prova condotta su una sessione YouTube ha dato buon esito in quanto a guadagno percentuale di carica. Finalmente siamo ad un punto di svolta decisivo.