mappa terraValutare il degrado ambientale del pianeta Terra è possibile grazie ad una nuova mappa satellitare interattiva che mostra l’azione distruttiva dell’uomo nelle foreste e nelle città. I geografi e gli scienziati dell’Università di Cincinnati hanno ricostruito le immagini provenienti dall’ESA fornendo un riscontro negativo sull’azione dell’uomo sul pianeta.

 

Mappa satellitare Terra: siamo noi gli artefici della distruzione

Deforestazione, disboscamento, scioglimento dei ghiacciai perenni. Sono questi i catastrofici fenomeni scaturiti per mano dell’uomo. Dall’esterno è quasi impossibile valutare oggettivamente lo stato di degrado del pianeta. Grazie ad una nuova mappa possiamo aprire gli occhi sugli effetti distruttivi delle nostre azioni.

C’è chiaramente qualcosa che non va. I cambiamenti climatici indotti dall’industrializzazione e dagli interventi umani stanno letteralmente distruggendo l’ambiente. L’associazione di climatologi riunitasi sotto il nome di IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change) afferma che abbiamo a disposizione 12 anni per evitare una catastrofe.mappa satellitare ItaliaLa mappa parla chiaro, non c’è bisogno di fornire ulteriori spiegazioni. Tra il 1992 ed il 2015 il 22% della superficie terrestre è stata alterata a causa dei fenomeni naturali ed umani che hanno reso i terreni incolti ed inadatti alla vita.

La visualizzazione dettagliata della mappa in riquadri da 300 metri quadri getta luce su un fenomeno degenerativo che distruggerà l’intero ecosistema. Jakub Nowosad, a capo della squadra di ricerca che ha realizzato il progetto, dice che:

“Spero che questa mappa aiuti le persone a diventare più consapevoli dell’impatto umano sul nostro pianeta”

Secondo voi è troppo tardi? C’è ancora tempo per evitare il peggio? Guardiamo con i nostri stessi occhi e traiamo le opportune conclusioni.