Digitale terrestreIl Digitale Terrestre DVB-T2 sta per arrivare. Dopo aver chiuso il capitolo asta 5G si concretizza un cambiamento che presto rivoluzionerà in tutto e per tutto il settore delle telecomunicazioni terrestri. Nuovi mezzi di comunicazione digitali faranno da contorno ad un cambiamento epocale che si realizzerà anche nel comparto TV con servizi migliori per qualità e velocità di accesso.

Per quanto riguarda l’argomento Digitale Terrestre si parla di un sistema di codifica che abbandona il vecchio standard a favore di una nuova piattaforma che richiederà l’acquisto di decoder e televisori adeguati a ricevere il segnale. I canali saranno portati tutti all’alta definizione ed i vecchi decoder non saranno più idonei a trasmettere i canali attuali. Non sono progettati per questo sistema e perciò dovremo cambiarli.

Lo ha stabilito per via ufficiale il nuovo emendamento voluto dal Ministero dello Sviluppo Economico che dopo l’assegnazione delle frequenze 5G si è espresso a favore del nuovo piano di sviluppo.

 

Digitale Terrestre 2.0: verso il cambiamento

I cambiamenti in atto per il DVB-T2 si realizzeranno nel periodo compreso tra gennaio 2020 e giugno 2022 per tutte le regioni d’Italia. Per poter guardare la TV saranno necessari appositi decoder e TV. In caso avverso, non si potrà ricevere il segnale. La linea temporale di intervento è già stata stabilita nel nuovo calendario che è già possibile visualizzare regione per regione.

Leggi anche:  Xiaomi Mi MIX 3, effettuato un test di connessione in 5G

Provider ed utenti dovranno sostenere costi per la finalizzazione del progetto che porterà al cambio delle frequenze di trasmissione. La programmazione TV non sarà più accessibile dal vecchio televisore ed in un modo o nell’altro ci si dovrà adeguare.

Il passaggio è obbligato in quanto il nuovo aggiornamento Digitale Terrestre abbandonerà la codifica MPEG-2 a favore della nuova MPEG-4. Può darsi che il nostro televisore sia già predisposto a ricevere correttamente il segnale. Si può controllare attraverso la guida dedicata.

In caso contrario sarà necessario acquistare un decoder separato che si può già trovare online o presso le catene di elettronica italiane a prezzi modici.