Continuano le numerose lotte della telefonia: a chi ruba più clienti, chi lancerà l’offerta più conveniente e chi utilizzerà per primo il 5G. Discutiamo su questo ultimo punto perché continuano i numerosi accordi fra gestori telefonici per affrontare la costosa.

L’unione di Vodafone e Tim

Vodafone Tim, infatti, starebbero valutando l’idea di sottoscrivere un accordo per lavorare insieme e realizzare la rete 5G in Italia; la notizia arriva da Bloomberg (azienda giornalistica) e risalta come l’intesa agevolerebbe le due società a battere i costi e ad integrare al più presto il 5G in Italia.

I due gestori telefonici avrebbero firmato un accordo di non divulgazione sul collaborare insieme sulla rete 5G e raggiungere l’obiettivo nel primo trimestre del 2019. Non sono del tutto notizie appurate, ma Tim e Vodafone, condividerebbero le infrastrutture di trasmissione della prossima evoluta rete mobile.

La realizzazione del 5G prevede una tecnologia molto più costosa e anche i prossimi investimenti per la creazione delle reti non saranno sicuramente da meno; ecco spiegato il motivo per cui ogni gestore telefonico cerca un compagno con cui investire e dimezzarne le spese.

Leggi anche:  Passa a Vodafone: la migliore offerta low cost senza limitazioni sulla provenienza

Cosa faranno Wind e Tre

Sempre secondo Bloomberg, il presidente della CK Hutchison Victor Li, possessore del brand Tre sarebbe pentito di non aver acquistare anche la Wind; questo rammarico nascerebbe proprio dalle somme di denaro sborsate per l’acquisto del brand e dei pacchetti di frequenza 5G inferiori al costo speso da Tim e Vodafone.

Ancora la situazione è molto sfocata, con milioni di notizie del tutto infondate che nascono ogni giorno; l’unica cosa che ci resta da fare è aspettare comunicati ufficiali che ci danno la possibilità di rendere il quadro più chiaro.