SkyLe opzioni a cui un nuovo sottoscrittore di Sky può addurre sono svariate e molto interessanti, i prezzi sono stati ridotti rispetto al passato, riuscendo comunque a raggiungere livelli abbastanza accessibili, anche se comunque leggermente superiori alle aspettative della community italiana. Ad oggi, in ogni caso, a fianco del normale contratto satellitare è possibile richiedere l’attivazione di un Via Fibra Digitale Terrestre, quale è il più conveniente?.

Nel ricreare un possibile confronto fra differenti tipologie di contratti, è innanzitutto importante non considerare il più conveniente solamente il meno caro, ma cercare di effettuare una valutazione d’insieme, nel tentativo di raggiungere una valutazione il più generica possibile.

 

Sky via fibra e Digitale Terrestre: le differenze

Gli aspetti positivi, o vantaggi, dell’abbonamento Sky via Fibra sono diversi:

  • Possibilità di sfruttare tutti i servizi MySky, come pausa, registrazione o accesso postumo anche alla televisione dei programmi inclusi nell’abbonamento
  • Visione dei canali in FullHD con accesso diretto tramite la propria connessione internet, nonché fruizione di un maggior quantitativo complessivo degli stessi (con il digitale terrestre si utilizzano 8 canali di Serie TVdi Sport e tutta la Serie A di Sky).
Leggi anche:  Vodafone e Sky insieme per il primo servizio giornalistico live 5G in Europa

I vantaggi, invece, del digitale terrestre sono:

  • Non necessità di invio e installazione di un decoder aggiuntivo, Sky provvederà ad inviare solamente la smart card da inserire all’interno della televisione.
  • Costi iniziali ridotti, parliamo di 39 euro invece che 49 euro, e sopratutto prezzo mensile più basso. L’abbonamento via fibra presenta un canone di 34,90 euro, quello via digitale terrestre solo 29,90 euro.
  • Visione non condizionata dalla qualità della connessione internet o dal meteo.

 

Sky via fibra o digitale terrestre: conclusioni

L’abbonamento più conveniente, a conti fatti, è sicuramente il digitale terrestre, pur comunque accettando le limitazioni imposte dall’impossibilità di accedere ad un numero troppo elevato di canali o simili. Al netto dei (s)vantaggi elencati, è indubbio verso quale tipologia punti la lancetta.