HTC ha pubblicato i suoi guadagni per il terzo trimestre dell’anno, ed è un’altra delusione per l’azienda, questa volta di 2,6 miliardi. Più del trimestre precedente quando ha riportato una perdita di 2 miliardi di NT.

Questo dimostra che HTC sta ancora facendo fatica a competere con aziende del calibro di Samsung, Apple, LG e altri produttori di smartphone. Secondo il comunicato stampa di HTC, la società ha registrato entrate per 4,04 miliardi di dollari, con un margine lordo del 4,7 per cento nel trimestre. La perdita è stata di 2,79 miliardi di NT con un margine operativo del -68,9%. E infine, la perdita netta dopo le imposte era di 2,62 miliardi di NT o 3,18 dollari NT per azione. Non è un trimestre ideale per HTC, ma è qualcosa che gli investitori hanno visto arrivare. Soprattutto dal momento che HTC rilascia ora il proprio fatturato mensile. Il margine lordo è aumentato, tuttavia, di circa il 2% su base annua.

HTC non si arrende e sta ancora lanciando prodotti ai suoi consumatori, in diverse aree, sia che si tratti di VR, blockchain o del suo tradizionale mercato degli smartphone. L’azienda ha sofferto per molti anni e in realtà suona come un disco rotto in questi giorni. Ha raggiunto il suo apice per la quota di mercato degli smartphone nel 2011, quando aveva il 10,7% del mercato. Ora, nel 2018, secondo diverse aziende, la quota di mercato dell’azienda è pari all’1% e in molti mercati del mondo è inferiore all’1%. Il che significa che HTC sta vendendo pochissimi smartphone, ed è probabile che la maggior parte di quelli venduti vengano restituiti.

HTC potrebbe non sopportare ancora a lungo la pressione del calo delle vendite e della quota di mercato

Questa è la prima volta che gli smartphone vedono un calo delle spedizioni per l’azienda. Questo perché i prezzi degli smartphone stanno aumentando e costringendo molti a mantenere i loro smartphone più a lungo. Mawston ha anche osservato che HTC ha realizzato dispositivi con nuove tecnologie future, anziché concentrarsi sui suoi problemi principali. Come con qualsiasi azienda che sta cercando di uscirne, HTC ha cercato di ridurre la spesa e anche diversificare il flusso di entrate. Ed è qui che entra in gioco Vive.

Leggi anche:  HTC U12+ non avrà un successore: qualcos'altro in arrivo

Vive è stata una boccata d’aria fresca per HTC, ma la realtà virtuale è ancora una tecnologia molto nuova, e questo significa che non c’è molta richiesta. Inoltre, una volta che qualcuno compra Vive, ci sono pochi motivi per spendere di più a riguardo, in quanto non ci sono cuffie più recenti, come se fosse uno smartphone. E la stessa cosa vale per EXODUS 1, il nuovo smartphone Blockchain che ha debuttato il mese scorso. Il problema non è tanto con gli smartphone, tuttavia il fatto che la società stia facendo solo smartphone per gran parte della sua esistenza.

L’azienda ha già licenziato centinaia di persone. Ha persino venduto una parte della sua attività a Google, la porzione che stava lavorando su Pixel. Ha iniziato a lottare davvero nel 2011 quando Samsung ha iniziato la sua campagna pubblicitaria indirizzata all’iPhone, che è quando Samsung ha iniziato a occupare davvero lo spazio Android. HTC ha provato a limitare il numero di smartphone che produce, e ad introdursi in vari settori, cosa che ha dichiarato di voler continuare a fare. Tuttavia, al momento tutto ciò non ha prodotto risultati.