Samsung Galaxy Note 9

La divisione italiana di Samsung ha iniziato il rilascio di un nuovo aggiornamento software per Galaxy Note 9. Il dispositivo ha iniziato a ricevere da qualche ora la versione software OXM2ARK2 che ha una dimensione di circa 70 MB e migliora esclusivamente la sicurezza del sistema operativo.

L’aggiornamento arriva a poco meno di due settimane dalla versione XXU2ARJ7 di cui vi abbiamo parlato in questo articolo lamentandoci dell’assenza delle più recenti patch di sicurezza nonostante una dimensione di oltre 200 MB. Samsung ci ha accontentati integrando in questo nuovo update le patch Android di novembre 2018.

Le uniche novità introdotte su Galaxy Note 9 riguardano proprio le patch più recenti sviluppate da Google. Patch che portano correzioni per oltre 15 problemi gravi a livello di codice che interessavano il robottino verde. A queste correzioni si aggiungono quelle fatte direttamente da Samsung alla propria interfaccia.

 

Galaxy Note 9, come installare l’aggiornamento versione OXM2ARK2

Aggiornare, dunque, è più che consigliato anche se sulla carta le novità non sono visibili ma quando si parla di sicurezza e privacy dell’utente meglio non scherzare. L’aggiornamento è già in distribuzione nel nostro Paese per tutti i Samsung Galaxy Note 9 No-Brand ITV. Lo smartphone notifica in automatico la sua disponibilità.

Leggi anche:  Samsung: spunta misterioso smartphone con notch laterale (prototipo?)

Tuttavia, se questa notifica non arriva potete forzare voi stessi la ricerca di nuove versioni software dal menu sugli aggiornamenti presente all’interno delle impostazioni di sistema. Per farlo basterà avere attiva una connessione ad internet stabile, la stessa richiesta per il download dell’aggiornamento.

Anche se quest’ultimo ha una dimensione di soli 70 MB circa, è sempre consigliabile utilizzare il WiFi. Per l’installazione, invece, meglio procedere con Galaxy Note 9 completamente carico o connesso alla rete elettrica. La procedura non elimina alcun dato personale ma il nostro consiglio è sempre quello di fare un backup.