WindAttivare una nuova SIM ricaricabile potrebbe portare a spese accessorie impreviste e non comprese, anche se comunicate, direttamente nel punto vendita. Wind, dal canto suo invece propone una soluzione alla portata dell’utente, garantendo al contempo anche un risparmio notevole sulla cifra spesa complessivamente.

Come i più esperti lettori del nostro sito ricorderanno, attivando una delle “Passa a” di Vodafone e TIM si riceverà in aggiunta anche un piano tariffario base a pagamento. Questi torna utile nell’esatto momento in cui, eventualmente, il cliente decide di disattivare l’offerta da tutto incluso, tariffando così i consumi di SMS, MMS e chiamate.

Con le passa a Wind il consumatore riceve invece una piacevole sorpresa; indipendentemente dalla promozione scelta, l’attivazione della SIM ricaricabile porta sì all’aggiunta di Wind Basic, pur non richiedendo il pagamento di un canone mensile incrementale.

 

Passa a Wind: splendida sorpresa per chi attiverà una delle tantissime promozioni

In altre parole, nel caso in cui l’opzione scelta venga disattivata, verranno tariffate a 29 centesimi al minuto (senza scatto alla risposta) le chiamate, 30 centesimi per gli MMS verso Wind, 60 centesimi per gli MMS verso altri operatori e 29 centesimi per SMS. Il traffico internet non è incluso, la tariffa in questo caso consiste in 4 euro al giorno, solamente se utilizzato.

Leggi anche:  TIM, Wind, Vodafone e 3 Italia: le migliori offerte attivabili solo oggi

Il piano base Wind Basic 2018 è gratuito (quindi senza canone mensile) dal 3 aprile 2018, incluso è anche il servizio SMS MyWind, con il quale è poi possibile ricevere un SMS per ogni tentativo di contatto da parte degli utenti con telefono spento o non raggiungibile.

Se non soddisfatti, dopo l’attivazione della passa a Wind è comunque possibile richiedere il cambio piano gratuito verso il rinomato Wind Easy.