Huawei, OnePlus, Nokia e Apple gli smartphone più pericolosi per via delle radiazioni

Gli smartphone emettono delle radiazioni elettromagnetiche: ormai lo sappiamo tutti. Di certo non possiamo altresì ignorare che tali onde provocano tumori. Sebbene i costruttori dei nostri amati device minimizzano sempre, il fenomeno c’è e come. A tal proposito vi proponiamo gli smartphone più pericolosi tramite la misurazione dei valori SAR, l’unità di misura della velocità d’assorbimento elettromagnetico delle radiazioni nel corpo umano.

Il SAR può raggiungere un massimo di 2 watt per chilogrammo, e ogni smartphone che supera il limite dovrebbe essere tolto dal mercato (ma non avviene). È importante capire poi che un device con valori SAR nella norma è dannoso ugualmente se viene utilizzato 24 ore su 24. Il tumore è un killer silenzioso che può metterci anni a manifestarsi: dobbiamo stare attenti a queste radiazioni.

 

Radiazioni smartphone: i device pericolosi

Tutti i valori qua sotto riportati hanno un valore espresso in watt per chilogrammo. Alcuni di questi telefoni, inoltre, sono modelli Dual SIM, quindi la misura va calcolata a parte.

Leggi anche:  Radiazioni smartphone: i modelli più pericolosi ancora non ritirati dal mercato

iPhone 7 Plus: 1,24 watt
Blackberry DTEK60:  1,28 watt
ZTE Axon 7 Mini:  1,29 watt
iPhone 8:  1,32 watt
Sony Xperia XZ1 Compact:  1.36 watt
iPhone 7:  1.38 watt
Huawei P9 Lite: 1,38 watt
OnePlus 5: 1,39 watt
Huawei Nova Plus:  1.41 watt
Huawei P9:  1,43 watt
GX8 Huawei : 1,44 watt
Huawei P9 Plus: 1,48 watt
Nokia Lumia 630: 1,51 watt
Huawei Mate 9:  1.64 watt
OnePlus 5T:  1,68 watt
Xiaomi Mi A1:   1,75 watt

Molti device appartengono a Huawei ma, in generale, i telefoni cinesi sembrano quelli costruiti con meno accortezza in materia di salute. Non eccedete nell’uso del vostro smartphone, specialmente in chiamata. Preferite sempre l’utilizzo di cuffie auricolari.