samsung-exynos-intelligence-from-within

Questa settimana Samsung non si è risparmiata con gli annunci tanto che il suo titolo in borsa è salito di qualche punto percentuale. Nonostante l’annuncio del nuovo aggiornamento software dedicato alle ammiraglie di quest’anno e del fantomatico smartphone con display pieghevole, un altro pezzo forte deve ancora chiamato in causa. Si tratta del processore dedicato ai dispositivi di fascia ultra alta del 2019.

Samsung è il primo produttore di processori al mondo e il nuovo chip Exynos ha sulle spalle un compito importante. Dovrà rivaleggiare con i nuovissimi A12 Bionic di Apple e i Kirin 980 di Huawei e non solo per la potenza. L’architettura a 7 nm è data per scontato, il livello successivo è quello dell’intelligenza artificiale, il vero futuro di questo genere di dispositivi.

 

Fatto per stupire e primeggiare

L’annuncio sarà fatto il 14 novembre, al momento non si sa neanche il nome ufficiale che questo SoC avrà; probabilmente la casa sudcoreana manterrà la continuità tenuto finora e lo chiamerà Exynos 9820. Il suo annuncio in qualche modo segnerà l’entrata nel nuovo anno per il mercato degli smartphone anche se i primi dispositivi che beneficeranno di questo processore saranno i Galaxy S10 e sappiamo benissimo che mancano diversi mesi al loro annuncio.

Leggi anche:  Samsung Galaxy J4 Core, annunciato il secondo smartphone Android Go

L’aspetto importante sopracitato, l’intelligenza artificiale, sembra essere parte integrante di questo pezzo di silicio. Samsung lo sta facendo capire tramite i vari canali social della compagnia. Lo slogan che accompagnerà l’Exynos 9820 fino al momento del suo annuncio è intelligence from within o intelligenza dall’intero. Insomma, tutti si aspettano grandi cose dal nuovo chip dedicato all’IA ovvero l’NPU.

Tra quattro giorni lo scopriremo insieme.