Google Pixel 3 XL

Google potrebbe essere a lavoro su due nuovi Pixel, ma in questo caso si tratterebbe di smartphone destinati alla fascia media del mercato. Le prime tracce di uno smartphone Pixel di fascia media risalgono a giugno di quest’anno, quando è stato individuato un dispositivo con nome in codice Bonito alimentato dallo Snapdragon 710.

Da allora Google ha annunciato i suoi Pixel 3 e Pixel 3 XL senza però menzionare mai un possibile dispositivo con caratteristiche e prezzo di vendita inferiore. Nonostante questo, in quel di Mountain View si lavorerebbe lo stesso sullo smartphone e a dimostrarlo sono nuove informazioni che confermano la sua esistenza.

 

Google Pixel con Snapdragon 710 per la fascia media del mercato

Il nome in codice Bonito è stato visto nuovamente e questa volta all’interno del codice dell’APK ARCore più recente. Come accade solitamente in questi casi, il nome dello smartphone non è stato accompagnato da alcuna informazione sulle sue possibili caratteristiche tecniche.

Tuttavia, sempre nello stesso codice è stato trovato un secondo nome in codice: Sargo. Vale la pena sottolineare che non c’è alcuna garanzia che questo dispositivo sia prodotto da Google, ma il suo codename ispirato al mondo dei pesci suggerisce che si tratta proprio di un Google Pixel.

Leggi anche:  Pixel Slate avvistato presso la FCC, commercializzazione imminente

Inoltre, per via del modus operandi di Google di rilasciare i suoi dispositivi mobili in due versioni differenti per la dimensione della scocca e quella dello schermo, c’è un’altissima probabilità che Sargo sia la versione più piccola dello smartphone apparso con il nome in codice Bonito. Per questo motivo entrambi avranno lo Snapdragon 710.

Al momento non ci sono informazioni concrete su quando Google (a lavoro anche su altro) possa annunciare le sue offerte di fascia media e fino a quando non avremo informazioni precise, quelle riportate rimarranno pura speculazione. Nonostante questo, qualcuno vicino a Big G è convinto che possa esserci una presentazione all’inizio del 2019.