Unicredit e PostePayLa Polizia Postale segnala ulteriori tentativi di frode che circolano online tramite email. La truffa del falso bonifico sembra essere tornata rivolgendosi ai clienti Unicredit. Anche PostePay in passato, hanno ricevuto svariate volte questo tentativo di frode. L’inganno mira in questo caso alla curiosità dell’utente più ingenuo che potrebbe lasciarsi sopraffare dall’idea di ricevere improvvisamente somme consistenti di denaro. Come suggerito dalla stessa Polizia Postale, Poste Italiane, Unicredit e vari istituti bancari, è importante non lasciarsi ingannare e diffidare sempre.

PostePay e Unicredit: torna la truffa del falso bonifico da accreditare. Diffidate, è solo phishing!

A malincuore è opportuno ricordare che nessuno invia bonifici improvvisi senza alcun motivo reale. L’email che sta circolando, quindi, è falsa, è soltanto phishing. 

Il messaggio di cui parliamo è stato nuovamente segnalato dalla Polizia Postale e, più volte negli ultimi mesi ha tentato di intaccare il conto degli utenti. Rivolgendosi a volte ai clienti PostePay, altre ai clienti Unicredit, i malfattori informano gli utenti di non essere stati in grado di accreditare loro un bonifico poiché necessario aggiornare i dati del conto.

Leggi anche:  Postepay Evolution: attenzione alle nuove truffe scoperte dalla Polizia Postale

Come soliti procedere, inseriscono tra le righe del messaggio un link e invitano l’utente a cliccare. Ciò permetterebbe di passare rapidamente alla pagina che consente di aggiornare le credenziali. Anche in questo caso si tratta di un passaggio tipico del phishing, quello di esortare l’utente ad accedere al sito clone che permetterà di ricevere tutti i dati.

Trattandosi di phishing è necessario ribadire che non inserendo le credenziali online e ignorando la comunicazione il rischio di perdere i propri risparmi è inesistente. Saper riconoscere i tentativi di frode sarebbe fondamentale al fine di non lasciarsi ingannare dai malfattori ma tenersi aggiornati tramite la pagina “Commissariato di PS- Online” può essere ulteriormente d’aiuto.