attacco hacker terrorismoSi fanno chiamare letteralmente “I mostri del Cigeo” e rappresentano un famigerato e nuovo gruppo hacker reduce da un furto di dati senza precedenti.

Stando ai primi dati diffusi dalle società di analisi francesi la mole di informazioni sottratte ammonterebbe a ben 65 GB, in relazione ai piani nucleari, ai sistemi di sicurezza per le carceri ed alle linee ferroviarie. Il più grande attacco della storia dell’informatica.

 

Attacco hacker: scoperti piani su nucleare, carceri e linee ferroviarie

Non è un caso che il nome conferito al nuovo gruppo di cyber criminali faccia esplicito riferimento al Cigeo. Si tratta appunto dell’azienda francese situa nel nord-est del Paese che si occupa della gestione di un impianto di stoccaggio sotterraneo delle scorie radioattive che vengono prodotte dalle centrali nucleari locali.

L’obiettivo degli hacker è impedire la ricostruzione del sito. In una prima fase iniziale sono state inviate email intimidatorie ai partecipanti al progetto, con lo scopo di boicottare i piani di sviluppo e messa in opera. A seguito delle noncuranza verso questi avvisi gli hacker hanno fatto di peggio, rubando 65 GB di dati dai server del progetto.attacco hacker centrale nucleareI dettagli ospitati sulle piattaforme online hanno messo in luce le direttive per i piani di sviluppo in Francia, Germania, Spagna e Sud America. Tra i dati prelevati vi sarebbero anche i dettagli sulla mappatura dei sistemi di video sorveglianza per carceri e centrali operative nucleari.

Leggi anche:  WhatsApp, attenzione: se non aggiorni l'app perderai il controllo del tuo account

Le intenzioni di questa nuova coalizione sembrano essere buone, ma pensare che questi dati possano cadere nelle mani sbagliate lascia a bocca aperta di fronte alla possibilità di ritrovarsi alle prese con un allarmante problema di sicurezza che coinvolgerebbe tutta la collettività.

Si teme per una potenziale ed incalzante minaccia terroristica, dopo che i dati prelevati sono finiti all’interno del circuito Tor.