truffe Unicredit BNL SanPaoloNuove truffe fanno piangere i conti correnti di una larga fascia di utenti appartenenti ai circuiti bancari di Unicredit, SanPaolo e BNL.

Chiunque abbia un codice IBAN associato a prepagata, carta di credito o conto personale è messo alle strette da una nuova ondata di raggiri segnalati dal nucleo operativo della Polizia Postale Online che rilascia le nuove segnalazioni per mezzo della sua pagina FacebookUna vita da social“. Si scoprono nuove minacce su cui far luce immediatamente dopo le dichiarazioni di Repubblica.

 

Truffe ai danni delle carte e dei conti Unicredit, Sanpaolo e BNL

Sembra di stare a combattere una battaglia che non avrà mai fine. Da un lato ci siamo noi con lo scudo dei sistemi di protezione bancari e dall’altro un gruppo non meglio riconosciuto di hacker che tenta di prosciugare letteralmente i risparmi di una vita di sacrifici.

La nuova minaccia colpisce gli IBAN, sfruttati dai datori di lavori e dagli Istituti di previdenza per l’accredito mensile di stipendi e pensioni. Il codice univoco viene dirottato verso un nuovo riferimento creato dagli hacker, che così facendo si assicurano il trasferimento facilitato dei fondi verso i propri conti correnti.

Leggi anche:  WhatsApp: ritorna la truffa della ricarica gratis, clienti Tim e Vodafone truffati

Nel momento in cui riportiamo la notizia il Commissariato della Polizia Postale comunica truffe per milioni di euro in Italia. La criminalità informatica cresce sulla scia della crisi e di un processo tecnologico a doppio taglio.

C’è qualcosa da fare per non incorrere nel cash-out istantaneo di tutti i nostri risparmi? L’unica cosa da verificare è l’associazione tra l’intestatario del conto e le 27 cifre che compongono il codice IBAN in riferimento all’Istituto bancario cui si è aderiti. Se corrisponde allora va tutto bene, altrimenti c’è chiaramente qualcosa che non quadra. Succede in particolar modo nel rilascio delle fatture.

Prima di autorizzare qualsiasi trasferimento controllate bene e fate attenzione a non cadere anche nell’ultima trovata degli hacker che stanno mettendo alle strette parecchi utenti con dispositivi Android.