Facebook

Il social network Facebook, come tutti saprete, sta navigando in acque tempestose nell’ultimo periodo. Lo scandalo Cambridge Analytica di qualche mese fa non è ancora stato dimenticato, insieme alla grande falla di sicurezza.

Il Parlamento Europeo ha inoltre richiesto che siano attuate delle nuove norme che garantiscano ancora di più la sicurezza degli utenti iscritti. Anche perché, quest’ultimi, stanno abbandonando la piattaforma a vista d’occhio.

 

Facebook per il futuro conta sulla crescita degli iscritti

Nell’ultimo periodo sono stati davvero tantissimi gli utenti tra i 17 e i 25 anni che hanno cancellato definitivamente il proprio account sulla piattaforma. Sicuramente conseguenza del grave scandalo che ha rubato i dati di milioni di utenti. I dati dell’ultima trimestrale sono molto vicini e la piattaforma conta molto sulla crescita degli iscritti, prevedendo un rallentamento significativo dei ricavi.

La piattaforma ha paura di un rallentamento anche nella crescita degli utenti mensili, il vero tesoro dell’azienda. Lo scorso trimestre era infatti sceso all’11% e le azioni ne hanno risentito parecchio. Gli investitori sono preparati, si aspettano un rallentamento anche dei ricavi. Ascolteranno sicuramente con molta attenzione le previsioni sul nuovo anno, in modo che possano farsi un’idea del destino della piattaforma.

Leggi anche:  Non bisogna cancellare Facebook, è tardi ed inutile

I recenti scandali, compreso anche quello dei fake news, peseranno molto sui margini e costi dell’azienda di Menlo Park, aggiungendo anche l’assunzione di nuovi moderatori che hanno portato la squadra a 20 mila persone l’anno scorso. Quasi sicuramente modificheranno le raccolte pubblicitarie sulle Storie, che entreranno a fare parte molto presto anche nell’applicazione WhatsApp. Non ci resta che attendere per scoprire il destino della piattaforma.