Nel nostro mondo iper-connesso, è importante pensare prima di fare clic su qualcosa. Con 118 milioni di follower su Instagram, 58 milioni di follower su Twitter e un patrimonio netto stimato di 270 milioni di sterline, Kim Kardashian Wes è indubbiamente una delle persone più riconoscibili al mondo. Dunque la più pericolosa da ricercare.

Molte persone possono celarsi su Internet e renderti la prossima preda. Cercare la vita delle celebrità, ad esempio cercare di scoprire le ultime novità sul clan Kardashian, potrebbe mettere a rischio la tua sicurezza sul Web. Un recente studio condotto dalla società di cibersicurezza McAfee ha scoperto che Kim Kardashian è la celebrità più pericolosa per la ricerca online, soprattutto nel Regno Unito. Lo studio spiega che i criminali informatici spesso scelgono le vittime prendendo nota dei termini di ricerca comunemente usati.

In tal caso, ingannano gli utenti di Internet facendo in modo che debbano cliccare sui collegamenti con determinati termini di ricerca. Quindi li indirizzano a siti Web dannosi o incoraggiandoli a rivelare dettagli personali come le password. Kim Kardashian è in cima alla lista come la celebrità più rischiosa da cercare nel Regno Unito. Subito dopo troviamo Naomi Campbell, Kourtney Kardashian, Adele e Caroline Flack. Mentre Ruby Rose è stata nominato la celebrità più pericolosa nella versione americana di tale lista.

Leggi anche:  Chrome 71 segnalerà i tentativi di phishing online

Cercare celebrità con un incredibile successo, come Kim Kardashian, mette a rischio l’incolumità dei vostri dati online

Raj Samani, collega e chief scientist di McAfee, spiega perché gli utenti di Internet dovrebbero essere particolarmente cauti quando navigano in Internet. “Viviamo in un mondo frenetico che è fortemente influenzato dalla cultura pop e dai social media. Ci sono infinite opportunità di intrattenimento, una varietà di dispositivi“, afferma. “Con l’influenza e le attività imprenditoriali di Kim Kardashian, la gente farà di tutto per essere simile a Kim. Nel nostro mondo iper-connesso, è importante che i consumatori pensino prima di cliccare per assicurarsi che stiano navigando su contenuti digitali sicuri e proteggendosi dalle minacce che potrebbero essere utilizzate per infettare i loro dispositivi o rubare la loro identità”.

Sebbene sia possibile adottare varie misure per migliorare la sicurezza informatica, come la creazione di password complesse e l’attenzione quando si utilizza una rete WiFi pubblica, McAfee sottolinea anche la prudenza quando si fa clic sui collegamenti online. Molte delle odierne minacce online si basano sul phishing. “Spam nelle email, offerte telefoniche, clickbait, quiz online e altro ancora. Sono tattiche per invogliare a fare clic su collegamenti pericolosi o rinunciare alle informazioni personali.”