Samsung Galaxy A5 (2016)

Samsung Galaxy A5 (2016) si prepara a ricevere un nuovo aggiornamento software. Stiamo parlando della versione che introduce i consueti miglioramenti mensili per quanto riguarda la sicurezza del sistema operativo. L’aggiornamento, disponibile in versione XXS7CRJ5 e XXS7CRJ6 a seconda dei mercati, porta con sé le patch più recenti.

Stiamo parlando delle patch di ottobre 2018 sviluppate da Google. Queste patch sono molto importanti per la sicurezza di Galaxy A5 (2016) perché correggono 23 falle di sicurezza a livello del framework, del media framework e del sistema. Ma queste non sono le uniche correzioni.

Gli ingegneri di Moutain View hanno risolto altri 3 problemi che riguardavano il kernel e tutti con elevata criticità. Non mancano altre correzioni minori così come alcune modifiche che riguardano il codice dell’interfaccia Samsung apportate sempre per garantire la migliore sicurezza. Il tutto, secondo il changelog ufficiale, supportato da miglioramenti generali.

 

Samsung Galaxy A5 (2016), come installare l’aggiornamento con le patch più recenti

L’aggiornamento è già disponibile in Europa ma per il momento sta interessando tutti i Galaxy A5 (2016) No-Brand venduti in Svizzera e nei Paesi più al nord del vecchio continente. Lo stesso update è atteso in Italia nei prossimi giorni ma in ogni caso verrà notificato in automatico dallo smartphone.

Leggi anche:  I Galaxy S9 e Note 9 riceveranno la Samsung One UI e Android 9.0 Pie

Una volta ricevuto la notifica dedicata basterà accettare le novità e confermare di voler scaricare e installare l’aggiornamento. Il download non richiede molto tempo così come l’installazione che però necessita di alcuni accorgimenti. Anche se la procedura non elimina alcun dato personale, è consigliabile eseguire un backup.

Inoltre, per prevenire possibili errori irreversibili, è caldamente consigliato di procedere solo con lo smartphone connesso alla rete elettrica di casa. Per chi non lo sapesse, infine, durante l’installazione non sarà possibile utilizzare lo smartphone nemmeno per eseguire chiamate di emergenza.