Un nuovo studio ha costatato che milioni di persone ammettono di avere problemi di fiducia con gli assistenti digitali. Ciò si verifica specialmente quando si tratta di gestire il proprio denaro.

Lo studio si basa su un sondaggio comprensivo di 1.000 intervistati, adulti, del Regno Unito. Trattasi in tutti i casi di utenti che usano gli assistenti digitali almeno una volta alla settimana. Più di un quarto di tali utenti ha trovato difficoltà nell’usare il proprio dispositivo per i pagamenti. Mentre il 28% è riluttante a usarlo per pagare le bollette, nello specifico. Il 27%, invece, è preoccupato per il trasferimento di denaro attraverso il dispositivo.

Lo studio ha anche rilevato che più di uno su cinque lascia la stanza o abbassa la voce per assicurarsi che il dispositivo non possa spiarli. Infatti, il 48% degli intervistati ritiene che la tecnologia sia sempre in ascolto, anche senza nessun comando. La riluttanza a fidarsi del proprio dispositivo per il 52% degli intervistati è dovuta a preoccupazioni per la sicurezza, mentre il 55% teme di essere hackerato. Dunque, molte persone non sfruttano gli assistenti digitali a causa di tutti questi problemi di fiducia. La maggior parte delle persone, infatti, li usa solo per attività di base.

Leggi anche:  Alexa arriva e parla italiano sulle vetture SEAT portando una ventata di intelligenza

Gli assistenti digitali sono inutili: tutta colpa della mancanza di fiducia

In media, gli utenti parlano al loro assistente vocale quattro volte al giorno. Essi sono più propensi a usarlo per rispondere a una domanda casuale o per aggiornarsi con le news (54%). Molto utilizzata l’opzione del controllo delle previsioni del tempo per il 50% degli utenti. Infine, ascoltare la musica è ciò che interessa principalmente al 45% degli utenti. In effetti, l’utente medio sfrutta solo sei funzioni del dispositivo. Impensabile se consideriamo che ad esempio Amazon Echo ha oltre 45.000 opzioni.

La ricerca ha rilevato che la mancanza di fiducia è la ragione per cui più di uno su cinque (22%) non usa più il proprio assistente vocale. Statistiche come queste – a prima vista – illustrano una situazione difficile per la tecnologia. Eppure, è fondamentale per aiutare le persone. L’intelligenza artificiale e gli assistenti vocali sono esempi di tecnologia che dovrebbe riuscire proprio in tale intento.