netflix

American Vandal è stato cancellato da Netflix, secondo quanto riportato da Variety poche ore fa. La serie di mockumentary ha lanciato la sua seconda stagione sul servizio di streaming a settembre. Ma dei rumors affermano che altre piattaforme hanno espresso interesse per continuare la serie.

‘American Vandal’ non tornerà per una terza stagione“, ha detto Netflix. “Siamo molto grati ai creatori, scrittori, cast e troupe per aver portato una commedia cosi innovativa sulla piattaforma, e ai fan e ai critici che hanno abbracciato il suo umorismo unico e anticonvenzionale.”

In una parodia del vero genere documentario del crimine, la prima stagione dello show ha seguito due studenti delle scuole superiori mentre cercavano di determinare se uno dei loro compagni di classe avesse commesso un atto di vandalismo su oltre due dozzine di macchine della facoltà . Nella seconda stagione, quegli stessi studenti si sono recati in una prestigiosa scuola di preparazione nel nord-ovest del Pacifico per indagare su una serie di scherzi.

In futuro ci sarà qualche società interessata ad acquistare la licenza?

La serie è stata interpretata da Tyler Alvarez, Griffin Gluck, Jimmy Tatro, Melvin Gregg e Travis Tope. È stato creato da Tony Yacenda e Dan Perrault, che è stato anche produttore esecutivo insieme a Dan Lagana, Joe Farrell per Funny Or Die, e Ari Lubet, Josh Lieberman e Michael Rotenberg per 3 Arts Entertainment. La serie è stata prodotta per Netflix da CBS Television Studios, Funny Or Die e 3 Arts.

Leggi anche:  Netflix: il nuovo decreto farà slittare le uscite dei film sulla piattaforma

La serie ha ricevuto ampi consensi al suo debutto, attualmente con una percentuale di approvazione del 97% su Rotten Tomatoes. “American Vandal” ha anche vinto un Peabody Award per la sua prima stagione ed è stato nominato per un Emmy.

Parte della decisione di annullare la serie è stata senza dubbio perché è stato prodotto per Netflix da uno studio esterno. Ma lo streamer, come la maggior parte delle altre società, sta cercando di produrre contenuti “in casa” nel tentativo di controllare i diritti globali dei progetti.